Traffico rifiuti all'Eni di Potenza, cinque arresti: uno a Chieti

Cinque arresti per smaltimento illecito di rifiuti al centro oli di Viggiano

Cinque funzionari e dipendenti del centro oli di Viggiano (Potenza) dell'Eni da questa mattina sono agli arresti domiciliari perché ritenuti responsabili, a vario titolo, di "attività organizzate per il traffico e lo smaltimento illecito di rifiuti". Uno degli arresti è stato eseguito in provincia di Chieti nei confronti di un funzionario; gli altri a Potenza, Roma, Genova, Grosseto e Caltanissetta. 

L'operazione è stata condotta dai carabinieri per la tutela dell’ambiente che hanno eseguito anche un’ordinanza di divieto di dimora nei confronti di un dirigente della Regione Basilicata. I provvedimenti cautelari sono stati emessi dal gip del Tribunale di Potenza nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

Torna su
ChietiToday è in caricamento