Reati ambientali: due imprenditori guardiesi rinviati a giudizio

I due erano i titolati della società che ha in gestione l'attività estrattiva della cava di Civitaluparella, sequestrata nel 2012. Secondo la procura di Lanciano ci sarebbe stato un ingiusto profitto

Svolgevano attività estrattiva in area protetta, senza rinnovo di autorizzazione e del ripristino ambientale dei luoghi già escavati. Con queste accuse il gup di Lanciano ha rinviato a giudizio due imprenditori di Guardiagrele: E.A. 68 anni e G.A. 37, responsabili della società che ha in gestione l'attività estrattiva di lapidei della cava di Civitaluparella, sequestrata il 6 giugno 2012.

Secondo la procura di Lanciano gli imputati non fecero risultare la reale quantità di materiale lapideo estratto, con danno per il Comune di Civitaluparella di 208.755 euro. Il processo si terrà il 21 gennaio 2015.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento