rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Cronaca Atessa

Casa degli orrori ad Atessa: "Il papà ha aggredito i figli con i coltelli"

Sentiti dal gip i due figli dell'uomo arrestato lo scorso aprile con le accuse di maltrattamenti e lesioni aggravate nei confronti della moglie e dei suoi quattro bambini

Sono stati sentiti questa mattina a Lanciano, dinanzi al gip Marina Valente, i due figli più grandi, 9 e 11 anni, del 36enne di Atessa arrestato ad aprile con le accuse di maltrattamenti e lesioni aggravate  nei confronti della moglie e dei suoi quattro bambini.

Assistiti da due psicologi, i due ragazzini hanno confermato le violenze subite in quella che è stata ribattezzata la casa 'degli orrori': il padre avrebbe fatto visionare loro un video pornografico e li avrebbe feriti con il lancio di coltelli e con un bastone.

L'uomo, al quale il tribunale dei minori ha sospeso la patria potestà, è stato rinchiuso nel carcere di Lanciano il 15 aprile.

L'abitazione in cui la famiglia abitava è stata chiusa su ordinanza del sindaco di Atessa, Nicola Cicchitti, per le pessime condizioni igienico-sanitarie. La donna e i figli sono ospiti di un centro di accoglienza.

"Casa degli orrori" Atessa

Non ci sono foto disponibili.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa degli orrori ad Atessa: "Il papà ha aggredito i figli con i coltelli"

ChietiToday è in caricamento