menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

LETTORI Ecco il Carnevale tradizionale Teatino LE FOTO

Tanta gente alla VI edizione del Carnevale Tradizionale Teatino, martedì 17 febbraio per le vie del centro, culminata con il processo al re Carnevale

La VI edizione del Carnevale Tradizionale Teatino, si è svolta martedì 17 febbraio a Chieti, percorrendo le strade cittadine con una bella cornice di persone e bambini che ha seguito e partecipato al corteo

Il carnevale tradizionale teatino è una grande festa che consacra il ritorno della primavera processando e bruciando l’anno vecchio.

Promotore dell’evento è l’associazione cittadina Onlus Camminando Insieme con la presenza di altre associazioni cittadine e in collaborazione con il professore Francesco Stoppa, studioso di tradizioni popolari e direttore del Cata (Centro di Antropologia per il Turismo). Gli studenti dell’Istituto Scolastico Superiore “U. Pomilio” di Chieti Scalo, che già da alcuni anni hanno sottoscritto un protocollo d’intesa con l’associazione Camminando Insieme, hanno contribuito alla realizzazione degli abiti tradizionali.

I carri che hanno movimentato la sfilata, hanno portato il Fantoccio di Re Carnevale, i protagonisti della Pantomima, " Lu Cumplimente", (sono dolci tradizionali di carnevale e Vin brulé, molto graditi) e il fantoccio di re carnevale disteso, morto!

Gli abiti tradizionali indossati dai partecipanti delle varie associazioni, si distinguono per gli ornamenti fastosi e primeggiano i caratteristici pulcinelli abruzzesi, anima del Carnevale, che indossano un enorme copricapo conico, coperto di pon pon , campanacci e bastone fiorito con nastri

Il programma è stato condiviso con il "Ballo del palo intrecciato", fatto avvolgendo e svolgendo nastri colorati, dal "Canto dei mesi" e la Pantomima del processo, con la condanna e il funerale di Re Carnevale.

Il Fantoccio che si brucia alla fine, dopo il processo a Re Carnevale, è associato alla dispersione delle ceneri, alla purificazione, alla fecondazione e al risveglio della primavera. E’ il profano che preannuncia il sacro. Il Carnevale, infatti, è una festa di transizione e purificazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende l'Rt e Marsilio è fiducioso: "L'Abruzzo non sarà tutto rosso"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento