menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

All'Utic di Chieti manca il personale e si moltiplicano i disagi per i pazienti

Secondo la denuncia del segretario regionale della Cisl Fp Martelli, con la chiusura degli ospedali minori, il reparto del Santissima Annunziata ha allargato a dismisura il bacino di utenza, nonostante il personale sia rimasto lo stesso

Lettera della Cisl Fp alla Asl di Chieti per denunciare la carenza di organico all'Utic di Chieti. Secondo quanto denuncia il segretario regionale Gabriele Martelli, con la chiusura degli ospedali minori, il reparto del Santissima Annunziata ha allargato a dismisura il bacino di utenza, nonostante il personale sia rimasto lo stesso. 

"Da tempo - si legge nella lettera - si evidenzia la grave carenza di personale infermieristico e di supporto all'assistenza, che provoca quotidianamente nella unità operativa complessa Utic Cardiologia uno scadimento della qualità delle prestazioni sanitarie". Una carenza più volte denunciata dai dipendenti, che si ripercuote in maniera inevitabili sui degenti, che lamentano diverse carenze.

"Questa situazione incresciosa - lamenta Martelli - espone sia gli utenti che il personale in servizio ad importanti rischi correlati all’assistenza, come rilevato da numerosi studi scientifici in ambito internazionale, in cui si descrive che la mortalità come outcome assistenziale è in relazione alla presenza del personale infermieristico. Questa grossa carenza di personale si trascina da ormai troppo tempo, compromettendo la qualità del servizio e i livelli di assistenza. Come già denunciato più volte da questo sindacato, la carenza di personale infermieristico ed operatore di supporto è diventata allarmante e non più sopportabile. Il personale è gravato oltre misura di ritmi di lavoro che non consentono la resa ottimale del servizio stesso ai pazienti.

"Nell’organizzazione dei servizi cardiologici sul territorio - aggiunge - il presidio ospedaliero di Chieti svolge la funzione di 'hub', ovvero di centro di eccellenza in cui vengono eseguiti gli interventi ad alta complessità assistenziale e necessitano di uno stretto monitoraggio dei parametri. Si rammenta, a tal proposito, che la normativa attuale, il Decreto del commissario ad acta n. 49 dell'8 Ottobre 2012 concernente le linee di indirizzo regionale in materia di determinazione delle dotazioni organiche delle Usl non  siano ancora equiparate e rispettate dalla ASL Lanciano Vasto Chieti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento