Cronaca

Carenza idrica nel Vastese: Pilkington pronta ad usare le acque di recupero

Se l'emergenza dovesse persistere, nelle prossime settimane l'azienda si impegnerà a non ritirare le quantità di acque necessarie ai processi di produzione provenienti dal fiume Trigno

la Pilkington

La carenza idrica che sta stremando il Vastese nelle ultime settimane, con l'evidente abbassamento del livello nella Diga di Chiauci, ha determinato la decisione della Pilkington di approvvigionarsi delle acque di recupero anzichè di quelle del fiume Trigno.

Nelle prossime settimane, se la situazione metereologica non dovesse cambiare, l'azienda di San Salvo che produce vetro per il settore dell'automotive farà la sua parte rendendosi disponibile, così come negli anni precedenti, a non ritirare le quantità di acque necessarie ai processi di produzione provenienti dal fiume Trigno, ma utilizzando le cosiddette acque di recupero dall'Arap Servizi.

In tal senso il responsabile settore energetico della Pilkington Italia spa, Massimo Di Ienno, in attesa della piena ripartenza degli impianti ha predisposto le azioni necessarie per l'eventuale utilizzo. In questo modo chi vive a Vasto avrà a disposizione maggiore quantità d'acqua per uso umano.
   

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenza idrica nel Vastese: Pilkington pronta ad usare le acque di recupero

ChietiToday è in caricamento