Carcere di Chieti, detenuto prima tenta il suicidio e poi prova a evadere

Nella casa circondariale di Madonna del Freddo un 40enne venerdì scorso è stato fermato dagli agenti di polizia penitenziaria

Nella casa circondariale di Madonna del Freddo a Chieti, venerdì notte, un detenuto abruzzese 40enne ha cercato di suicidarsi legandosi una corda rudimentale al collo: prontamente salvato dagli agenti in servizio è stato condotto in emergenza al pronto soccorso di Chieti per le cure del caso.

A riferirlo è il segretario generale regionale UIL-PA Polizia Penitenziaria Abruzzo Ruggiero Di Giovanni, che aggiunge altri dettagli sulla situazione d’emergenza del penitenziario: “Durante la mattina, mentre il detenuto era ancora piantonato in una stanzetta del pronto soccorso, ha aggredito la Polizia Penitenziaria presente in quello che evidentemente dovrà essere classificato come tentativo di evasione, i poliziotti sono riusciti ad evitare il peggio ed il personale sanitario è dovuto intervenire con dei farmaci per calmare il paziente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nella sanità abruzzese: si è spenta la dottoressa Mariangela Bellisario

  • Un abruzzese nell'inferno di Wuahn in quarantena per il virus cinese

  • L'infermiere era costretto a mansioni da Oss: condannata l'azienda sanitaria

  • Coronavirus: la circolare del Ministero della Salute per non contrarre il virus cinese

  • In tribunale con gli screenshots delle conversazioni della moglie per provare il tradimento ma viene denunciato

  • Chiesa, cambia il 'Padre nostro', monsignor Forte: "Nuova versione sarà ufficiale dopo Pasqua"

Torna su
ChietiToday è in caricamento