Carabinieri, il Maggiore Emanuele Mazzotta saluta il Comando Provinciale di Chieti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Il Maggiore Emanuele Mazzotta si appresta a lasciare il Comando del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Chieti per assumere l’incarico di comandante della Compagnia Carabinieri di Alba Adriatica (Te).
Nel lungo periodo in cui ha diretto il Nucleo Investigativo (dal settembre del 2008) sono state portate a compimento numerose operazioni di servizio, molte delle quali salite anche alla ribalta delle cronache nazionali. Tra queste si ricordano  l’individuazione e l’arresto dei responsabili di  tutti gli omicidi perseguiti (ben otto), consumati nella provincia di Chieti e la cattura dei  4 rapinatori - tutti di origine pugliese - responsabili della rapina all’Ufficio Postale di Rapino e del  conseguente  e prolungato conflitto a fuoco ingaggiato con i carabinieri del luogo. 
Numerosi inoltre i soggetti arrestati per traffico di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti. Ultimi, in ordine di tempo, eseguiti a termine dell’indagine “Conventus,” coordinata dalla DDA di L’Aquila, conclusasi nel mese di settembre del 2014  con l’esecuzione di ben  36 Ordinanze di Custodia Cautelare (4 delle quali a carico di soggetti residenti all’estero). Nel corso della medesima  indagine  sono stati rinvenuti e sequestrati  oltre 26 Kg di stupefacenti.
Il Magg. Emanuele Mazzotta - prima del Nucleo Investigativo di Chieti – aveva già svolto servizio nella provincia di Chieti, quale comandante della Compagnia Carabinieri di Lanciano (dal 2002 al 2008), conseguendo - per la meritoria attività svolta - la cittadinanza onoraria del Comune di Lanciano e di Palombaro.
L’ufficiale assumerà il nuovo incarico la mattina del 7 aprile 2015 ed al suo posto giungerà  l’attuale comandante della Compagnia di L’Aquila, Cap. Marcello D’Alesio.
 

Torna su
ChietiToday è in caricamento