Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca Ortona

Sanzioni pari a 50mila euro per attività illegali contro l’ambiente, la capitaneria di porto di Ortona rafforza i controlli [FOTO]

Le attività e i risultati conseguiti nel corso del primo semestre 2022 da parte della Capitaneria

Visite ispettive sulle navi, controlli in materia di tutela dell’ambiente, verifiche costanti della fascia costiera e, soprattutto, la salvaguardia della vita umana in mare: sono le principali attività svolte dalla Capitaneria di porto di Ortona che questa mattina in una conferenza stampa ha illustrato i risultati conseguiti durante il primo semestre del 2022.

Quasi cento le unità operative del Compartimento marittimo di Ortona, distribuite tra la Capitaneria di Ortona, l’Ufficio circondariale marittimo di Vasto e la Delegazione di spiaggia di Francavilla al Mare. 

Nei primi sei mesi dell’anno in corso sono state effettuate 11 visite ispettive a bordo di unità navali battenti bandiera straniera, 3 di queste sono state oggetto di detenzione, in quanto risultate “substandard” rispetto ai requisiti di sicurezza previsti dalle normative vigenti. Oggetto di verifiche ispettive, 28 nel complesso, è stato anche il naviglio nazionale per il rilascio complessivo di 36 certificati da parte dell’amministrazione di bandiera. 

Per quanto riguarda le ispezioni eseguite in termini di tutela dell’incolumità e della sicurezza, la Capitaneria di porto di Ortona ricorda i 7 controlli, in materia di tutela dell’ambiente, sul tenore di zolfo dei combustibili marittimi a bordo delle navi che hanno ormeggiato presso il porto di Ortona, oltre alle costanti verifiche della fascia costiera che hanno sistematicamente visto l’impegno giornaliero del Nopa e la cui operatività si è concretizza nell’elevazione di sanzioni per un ammontare circa di 50.000 euro per attività illegali contro l’ambiente.

La salvaguardia della vita umana in mare per gli uomini e le donne della guardia costiera si realizza anche attraverso la componente navale della Capitaneria di porto di Ortona che rappresenta, per la collettività ortonese e non solo, un elemento di affidabilità, con 3 unità navali di differenti dimensioni e tipologie. “I mezzi navali – specificano dal comando - sono costituiti da una motovedetta della Classe 800, adeguata a garantire, con un servizio h24, le attività di ricerca e soccorso nell’area di responsabilità, a cui si affianca 1 unità della Classe 500, motovedetta costiera e un 1 mezzo minore della Classe GC B, battello pneumatico di circa 7 m, dedicati entrambi alla verifica del rispetto delle normative in materia di tutela del mare e dell’ambiente. La vigilanza in dette aree, oltre che dal mare, è svolta anche via terra con l’utilizzo di pattuglie, costituite da personale debitamente formato, il cui obiettivo primario è quello di dare corso a un mirato programma di sorveglianza, assicurando, nel territorio costiero, una ulteriore proiezione all’esterno delle capacità operative del personale della Capitaneria di porto di Ortona”.

In quest'ottica, lo sforzo di personale e mezzi messi in campo per la settimana di  Ferragosto è massimo,  con l’impiego di 47 militari e 3 mezzi navali che saranno adoperati mediamente con due uscite giornaliere con la finalità di rendere più sicura la balneazione e l’utilizzo dell’intero ambiente marino della costa dei trabocchi.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanzioni pari a 50mila euro per attività illegali contro l’ambiente, la capitaneria di porto di Ortona rafforza i controlli [FOTO]
ChietiToday è in caricamento