menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caos nel carcere di Vasto, la denuncia del Sappe: "E' a rischio la sicurezza"

Grido d’allarme del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria per le condizioni in cui versa la struttura e le conseguenti critiche condizioni operative del Personale in servizio. Il segretario generale Donato Capece: "Siamo seriamente preoccupati"

Grido d’allarme del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE per le condizioni in cui versa il carcere di Vasto e le conseguenti critiche condizioni operative del Personale di Polizia Penitenziaria in servizio. Spiega Donato Capece, segretario generale del SAPPE, che ha incontrato una delegazione sindacale vastese:

“Siamo seriamente preoccupati per le precarie condizioni operative di servizio della Polizia Penitenziaria in servizio nel carcere di Vasto e per la sicurezza stessa della struttura. Non più tardi di 30 giorni fa è crollato una delle porte carraie del carcere ma dal Ministero, anziché intervenire concretamente, si è pensato di rimodulare gli organici del Corpo con la conseguenza che verrà messa a serio rischio la sicurezza del carcere. In un recentissimo incontro sindacale si è fatta largo addirittura l’ipotesi di sopprimere alcuni posti di servizio importanti e delicati – come l’unità addetto al Blocco – con tutte le gravi e negative conseguenze che questo determinerà”.

La situazione nel carcere di Vasto

A Vasto sono oggi detenute 156 persone: 15 imputati, 25 condannati, 116 internati. Una popolazione detenuta assai eterogena e complessa, che determina pesanti condizioni di lavoro per gli agenti: si pensi che nel primo semestre del 2017 si sono contati nel penitenziario di Vasto 13 atti di autolesionismo, 6 tentati suicidi, 2 colluttazioni e 4 evasioni conseguenti a mancato rientro in carcere dopo licenza ad internati”. 

“Gli Agenti di Polizia Penitenziaria”, conclude Capece, “devono andare al lavoro con la garanzia di non essere insultati, offesi o – peggio da una parte di popolazione detenuta che non ha alcun ritegno ad alterare in ogni modo la sicurezza e l’ordine interno. Non dimentichiamo che contiamo ogni giorno gravi eventi critici, episodi che vengono incomprensibilmente sottovalutati dall’Amministrazione Penitenziaria”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento