menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
la pianta

la pianta

Piante di cannabis e armi: drone smaschera l'attività illegale di una donna

L'operazione delle fiamme gialle vastesi ha permesso di risalire a un'intera filiera illecita. Una donna è stata arrestata

Le Fiamme Gialle vastesi, al comando del capitano Marco Garofalo, hanno sequestrato armi da sparo detenute illegalmente e cannabis indica. L’azione è scaturita da un precedente sequestro di sostanze stupefacenti effettuato in un’abitazione di San Salvo, che ha permesso di risalire a un’intera filiera illecita.

Dapprima i finanzieri hanno individuato un gruppo di amici che, sfruttando la stagione estiva sul litorale adriatico, coltivavano sostanze stupefacenti nelle proprie abitazioni con lo scopo di rivenderle sul mercato. Successivamente, grazie all’utilizzo di un drone, hanno localizzato nel giardino di una villetta isolata nelle campagne dell’alto vastese, una coltivazione di piante di cannabis indica, con altezza superiore ai 2 metri, sporgenti dal muretto di recinzione dell’immobile monitorato. La successiva perquisizione all’interno della villetta ha permesso di rinvenire oltre alla piantagione di cannabis indica, anche 44grammi di marijuana già confezionata e un bilancino di precisione; la sostanza stupefacente immessa sul mercato avrebbe procurato un guadagno di circa 10 mila euro. Durante l’attività sono stati rinvenuti inoltre due fucili calibro 9, di cui uno con la matricola abrasa e 49 cartucce Flobert da 9mm.

Per una donna italiana, incensurata, sono scattate le manette. Tutto lo stupefacente rinvenuto è stato inviato presso i laboratori dell’Arta all’Aquila per le analisi quantitative e qualitative.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento