Cronaca Atessa

Beve qualche amaro dopo pranzo ma è in servizio: denunciato camionista ubriaco

Fermato in Val di Sangro dalla Polizia Stradale che ha rafforzato l’attività di controllo sull'autotrasporto professionale


Oltre 700 infrazioni nell’ultimo anno ai conducenti dei mezzi pesanti per aver violato la normativa sul rispetto dei tempi di guida o di riposo o per aver alterato o manomesso il tachigrafo. Per garantire maggiori livelli di sicurezza la Polizia Stradale di Chieti, agli ordini del comandante Fabio Polichetti, ha rafforzato l’attività di controllo sull’autotrasporto professionale.

Proprio in seguito a questo rafforzamento dei controlli, ieri pomeriggio un pattuglia impegnata nella vigilanza autostradale ha intimato l’alt ad un camionista, un 52 enne, originario dell’Aquila, nei pressi del casello autostradale di Val di Sangro e diretto nella zona industriale di Atessa. 

Dal controllo gli agenti si sono subito insospettiti, in quanto l’autista presentava chiari sintomi di assunzione di alcol, occhi lucidi, riflessi rallentati; sottoposto alla prova dell’etilometro è stato accertato un tasso alcolemico pari a 1,02 g/l, eccessivi per un conducente professionale, per i quali il codice della strada prevede tolleranza zero (per loro è infatti fatto divieto assoluto di assumere alcol quando si mettono alla guida di un mezzo pesante). Si è giustificato dicendo di essersi fermato poco prima a pranzo bevendo alcuni amari, ma con uno stato psicofisico così alterato avrebbe potuto anche provocare un incidente stradale.

Severe le sanzioni a cui andrà incontro: sospensione della patente di guida fino a 18 mesi, perdita dei punti e denuncia penale all’Autorità Giudiziaria.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Beve qualche amaro dopo pranzo ma è in servizio: denunciato camionista ubriaco

ChietiToday è in caricamento