menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Guidava con il tachigrafo alterato senza rispettare le ore di riposo: denunciato un camionista

L'uomo è stato fermato sull'A14 dalla stradale di Chieti. Dovrà pagare 2mila euro di multa e avrà la patente sospesa per un periodo di tre mesi

Guidava il camion con un dispositivo che consentiva di alterare la veridicità del tachigrafo, in modo da poter viaggiare per diverse ore, senza rispettare i tempi di riposo imposti dalla legge, eludendo eventuali controlli. Ma al camionista fermato dalla polizia stradale di Chieti è andata male: dovrà pagare 2mila euro di multa e avrà la patente di guida sospesa per un periodo fino a tre mesi. Inoltre l’uomo, un 25enne di origini albanesi, residente in provincia di Brindisi, è stato denunciato all’autorità giudiziaria per la rimozione e omissione dolosa di cautela contro  gli infortuni sul lavoro.

Il conducente è stato fermato sull’autostrada A14 in direzione nord, all’altezza di Torino di Sangro, nell’ambito di controlli sul trasporto professionale di merci, disposti dal comandante della polizia stradale di Chieti, Fabio Polichetti. 

Gli agenti della pattuglia si sono accorti dell’eccessivo stato di stanchezza del camionista e lo hanno trovato molto agitato. Così, hanno avviato controlli approfonditi sul cronotachigrafo installato sul mezzo, scoprendo che, nonostante il camion fosse in movimento, dalla lettura del tachigrafo il conducente risultava a riposo. Ecco dunque svelato l’inganno, molto frequente. 

Il mezzo è stato scortato verso la più vicina officina meccanica, per recuperare il dispositivo elettronico. E ora il camionista non potrà lavorare a lungo. 

Questi controlli rientrano nell’ambito degli obiettivi della Polizia Stradale di Chieti di garantire maggiori livelli di sicurezza stradale.  Da inizio anno, oltre 400 sono state le sanzione inflitte agli autotrasportatori che non rispettavano i tempi di guida e di riposo imposti dalla legge o che, in maniera fraudolenta, cercavano di alterare i dispositivi, rappresentando così un vero e proprio pericolo per la sicurezza stradale.

foto dispositivo-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento