Cronaca

La d'Annunzio cambia nome, i sindacati si schierano: "No alle polemiche di campanile"

Mentre Casapound dice no all'aggiunta "dell'Adriatico", il capogruppo di Forza Italia al Comune di Pescara Antonelli invoca un incontro dei due consigli comunali con il Senato Accademico

Anche la sezione teatina di Casapound Italia si schiera contro il cambio di nome, appellandosi al Cda affinché bocci la proposta. Spiega il responsabile cittadino Francesco Lapenna: 

Riteniamo l’intitolazione "Gabriele d'Annunzio" assolutamente valida per promuovere l'ateneo teatino. d’Annunzio fu uomo di lettere dalla vasta cultura, dalla straordinaria capacità compositiva e dall’altrettanto straordinaria produzione, nonché uomo d’azione capace di interpretare perfettamente lo spirito del suo tempo. 

Evidentemente, queste virtù e il "solo" prestigio del brand "d'Annunzio" non sono sufficienti, per il rettore Caputi, a dar lustro all'università teatina, tanto da ritenere addirittura necessaria, a suo modo di vedere, un'integrazione che, a nostro avviso, è a dir poco superflua se non indisponente.

Il capogruppo di Forza Italia al Comune di Pescara, Marcello Antonelli, sostiene che

“Il dibattito inerente il cambio di denominazione dell’università d’Annunzio, con l’aggiunta dell’aggettivo ‘dell’Adriatico’, non può ridursi a una discussione fatta di orticelli o antichi campanilismi. 

Prima di alzare scudi o salire su barricate virtuali, vogliamo capire quale sia il progetto a monte di tale iniziativa, ovvero se quell’aggettivo implica una politica tesa verso l’altra sponda dell’Adriatico, dunque una politica di inclusione e di gemellaggio didattico, che significa anche crescita, espansione, dunque economia e lavoro, o se si tratta di un semplice ‘vezzo’, tesi, quest’ultima, alla quale non credo conoscendo la caratura di chi oggi governa l’ateneo Chieti-Pescara. 

Antonelli propone un incontro dei consigli comunali di Chieti e Pescara con il Senato Accademico 

per approfondire la questione e ascoltare dalla viva voce dei protagonisti tutti i risvolti di un provvedimento comunque storico, e dunque meritevole di attenzione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La d'Annunzio cambia nome, i sindacati si schierano: "No alle polemiche di campanile"

ChietiToday è in caricamento