menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caldo e malori, al pronto soccorso di Chieti 250 accessi giornalieri

Le conseguenze del caldo: pronto soccorso intasato, le fasce di popolazione più a rischio sono i bambini e soprattutto gli anziani. L'ondata di caldo continua. L'ondata di caldo proseguirà almeno fino a lunedì prossimo

Tanti i malori dovuti alle elevate temperature e all'afa in questi giorni. A Chieti, come negli altri ospedali abruzzesi, il pronto soccorso è letteralmente intasato: dai 190 accessi medi giornalieri si è arrivati a toccare quota 250, molti dei quali legati all'ondata di calore.

Oltre alle classiche patologie da caldo, i pazienti si rivolgono al pronto soccorso per i problemi traumatici legati alle vacanze e alle attività all'aperto e anche perchè molti medici generici sono in ferie.

"Le patologie più frequenti sono il collasso da calore: persone che magari sono state troppo ore sotto al sole, senza una corretta idratazione e che presentano sintomi quali sudorazione abbondante, pressione bassa, fino alla nausea e al vomito" spiega all'Ansa il primario del Pronto soccorso di Chieti, Maria Di Felice "Ci sono anche per persone incoscienti: mi riferisco magari a coloro che si addormentano sotto al sole e che sono vittime del classico colpo di sole, con eritemi o perfino ustioni".

Come è noto le fasce di popolazione più a rischio sono i bambini e gli anziani, che soffrono di più le conseguenze del caldo. Con l'allungamento dell'età media gli anziani soffrono di una serie di patologie che vanno monitorate e che con il caldo possono portare a conseguenze drammatiche: ne sono esempio i malori improvvisi e mortali che si sono registrati nelle ultime settimane anche sulle spiagge abruzzesi.

PREVISIONI  Per oggi, martedì 21 luglio, la situazione resterà sostanzialmente stabile: caldo intenso e temperature al di sopra delle medie stagionali. Possibilità di temporali pomeridiani sulle alture. Secondo Giovanni De Palma, direttore di Abruzzometeo, l'ondata di caldo proseguirà fino a lunedì quando, alla base dei dati attuali, una perturbazione atlantica potrebbe favorire rovesci e calo delle temoperature.
   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento