rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca Cupello

Caccia ai percettori indebiti di reddito di cittadinanza: i carabinieri ne scovano altri 18

Tutti, oltre ad essere denunciati, sono stati segnalati alla direzione provinciale Inps per l’immediata revoca del beneficio che, complessivamente, ammonta a 190 mila euro circa

Proseguono i controlli in provincia di Chieti tesi al contrasto dell’indebito percepimento del reddito di cittadinanza.

I carabinieri della compagnia di Vasto, nei giorni scorsi, hanno individuato altre tre persone che, a vario titolo, fornendo dichiarazioni mendaci, hanno ottenuto indebitamente il beneficio economico. Si tratta di una 45enne di Cupello, la quale dichiarava nel proprio stato di famiglia di avere a carico tre figli minori, nonostante gli stessi fossero stati affidati con apposito decreto del tribunale ai servizi sociali; di un 64enne di Cupello che aveva omesso di specificare che fosse agli arresti domiciliari; di un 45enne di nazionalità romena che dichiarava falsamente di essere residente in Italia.

L'attività nel Vastese è l’epilogo di una più ampia azione di contrasto coordinata dal comando legione carabinieri Abruzzo e Molise di Chieti avviata ad aprile e che ha consentito di scovare altre diciotto persone, soprattutto di nazionalità estera che, pur non essendo mai state residenti in Italia, sono riuscite ad ottenere il beneficio economico.

Tutti, oltre ad essere stati denunciati alla competente autorità giudiziaria, sono stati segnalati alla direzione provinciale dell'Inps per l’immediata revoca del Rdc che complessivamente ammonta ad 190.000,00 euro circa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caccia ai percettori indebiti di reddito di cittadinanza: i carabinieri ne scovano altri 18

ChietiToday è in caricamento