rotate-mobile
Cronaca

Busta con proiettile a Chiodi e Zavattaro: solidarietà bipartisan dall'Abruzzo

Le reazioni dei politici abruzzesi dopo la lettera di minacce recapitata ieri alla Asl di Chieti al presidente della regione e al manager dell'azienda

Sdegno e solidarietà bipartisan al presidente della giunta regionale Gianni Chiodi e al manager della Asl Lanciano-Vasto-Chieti Francesco Zavattaro dopo la lettera di minacce indirizzata a loro ieri.

"Sono certo che il Presidente Chiodi non si farà intimorire da quanto accaduto e proseguirà con serenità e determinazione nella sua attività messa in campo per il risanamento della sanità abruzzese con la stessa passione e competenza che ha profuso sinora" ha detto il presidente del Consiglio regionale, Nazario Pagano. Nella busta recapitata alla Asl teatina c'era anche un proiettile calibro 9x31.

Sull'episodio è intervenuto anche il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giovanni Legnini. "Mi auguro che venga al più presto fatta luce su questo grave episodio - ha detto - ed esprimo la mia solidarietà a Chiodi e Zavattaro. Minacce di questo genere vanno condannate con fermezza".

Preoccupato invece il Presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani, che in una nota commenta: "Si tratta di atti che non vanno sottovalutati, su cui mi auguro possa essere fatta ben presto luce da parte degli organi di polizia. Ho telefonato al presidente Chiodi per manifestargli, anche a nome delle Regioni, solidarietà e vicinanza e la più ferma condanna di ogni tentativo intimidatorio".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Busta con proiettile a Chiodi e Zavattaro: solidarietà bipartisan dall'Abruzzo

ChietiToday è in caricamento