Bomba inesplosa e fatta brillare: evacuate Arielli, Crecchio e Poggiofiorito

L'ordigno della seconda guerra mondiale è stato disinnescato dagli artificieri dell'Esercito dell'11° Reggimento Genio Guastatori di Foggia questa domenica, nel corso di una delicata operazione

Tre Comuni sgomberati questa domenica per la rimozione di un ordigno bellico inglese della seconda guerra mondiale. Come era stato disposto dalla Prefettura teatina, circa duemila persone ad Arielli, Crecchio e Poggiofiorito sono state evacuate per permettere le operazioni di rimozione della bomba, scoperto nei giorni scorsi in un campo agricolo a Poggiofiorito.

L'ordigno è stato disinnescato dagli artificieri dell'Esercito dell'11° Reggimento Genio Guastatori di Foggia, unità specialistica alle dipendenze della Brigata "Pinerolo". Gli stessi hanno provveduto alla neutralizzazione della bomba d'aereo di fabbricazione inglese ad alto esplosivo, pesante 250 libbre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La bomba è stata fatta brillare in un'area idonea individuata in una cava di Canosa Sannita.
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasto e Chieti piangono la scomparsa del professor Domenico Rossi, morto a 50 anni per un malore

  • Malore improvviso in casa, muore a 39 anni tecnico informatico

  • Paglieta in lutto per Antonella, mamma di tre bambini scomparsa a 34 anni

  • Estate 2020: in spiaggia con la mascherina, sotto l'ombrellone a 1 metro di distanza. Come si andrà al mare

  • Oggi sposi, nonostante il Coronavirus: Jessica e Francesco si sono sposati a Chieti in attesa dei loro gemellini

  • Coronavirus: nessun nuovo caso in provincia di Chieti, ma c'è una persona morta

Torna su
ChietiToday è in caricamento