Bocciato due volte: scuola media nega l'ingresso ad alunno 13enne

La decisione dell'istituto sarebbe stata presa sulla base di una normativa che vieta l'iscrizione per tre anni consecutivi alla stessa classe. La famiglia dell'alunno si è rivolta all’avvocato ed è stata inviata una segnalazione al Miur

Bocciato due volte, la sua scuola non lo accetta per il nuovo anno scolastico e lo invita ad iscriversi altrove. È quanto accaduto a Fossacesia dove un ragazzo di 13 anni ieri si è visto negare l’ingresso alla scuola media: l’istituto comprensivo si è appellato a una normativa adottata dal consiglio scolastico secondo la quale non è possibile ammettere un alunno che si iscrive per tre anni consecutivi alla stessa classe.

Tutto questo senza una comunicazione ufficiale e preventiva alla famiglia del ragazzo che avrebbe ricevuto una telefonata dalla scuola solamente mercoledì, alla vigilia della riapertura: troppo tardi ormai per poterlo iscrivere in un altro istituto. La famiglia si è quindi rivolta all’avvocato Pietro Cotellessa il quale ha già inviato una segnalazione al Ministero della pubblica istruzione e all'Ufficio scolastico regionale.

“A prescindere dalla normativa cui fa riferimento la scuola – spiega il legale – la decisione viene contestata in ogni modo in quanto non applicabile in una scuola media e a un ragazzo in obbligo scolastico. L’alunno è stato impossibilitato a frequentare le lezioni, sia nell’istituto di riferimento che in altro, stante la mancata comunicazione della non ammissione in tempi utili per potersi iscrivere altrove. Non da ultimo il ragazzo in questi anni ha assistito alla separazione dei genitori, dai toni accesi e che ha creato non pochi disagi familiari e sociali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’avvocato ha fatto sapere che sarà impugnato ogni atto amministrativo in danno all’alunno e verrà fatto in modo che la Procura della Repubblica di Lanciano accerti eventuali responsabilità penali in merito all’accaduto.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • L'infettivologo: "Aspettiamoci 2-3mila casi in Abruzzo. Fine di questa fase? Almeno altre 4-6 settimane"

  • Covid-19, il laboratorio dell'Ud'A di Chieti pronto per eseguire i test: si parte con gli operatori sanitari

  • Coronavirus: altri sei morti in Abruzzo, due erano della provincia di Chieti

  • Crescono i casi di Coronavirus a Caldari di Ortona, il sindaco chiede tamponi per tutti

  • Se ne è andata la professoressa Lea Curti Pancella

Torna su
ChietiToday è in caricamento