menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bloccate le donazioni per il piccolo Samuel che perse i genitori a Rigopiano

Le donazioni raccolte dal Comune di Osimo sono bloccate fino a quando il giudice non nominerà un tutore definitivo. Il piccolo perse i genitori nella tragedia di Rigopiano

Dove sono finiti gli oltre 137mila euro raccolti dal Comune di Osimo (Ancona) per il piccolo Samuel, il bambino di 7 anni rimasto orfano nella tragedia di Rigopiano? I soldi raccolti risultano bloccati nel conto corrente aperto dal Comune in favore del figlio di Dino Di Michelangelo e Marina Serraiocco, i coniugi di Chieti tra le 29 vittime della tragedia del 18 gennaio scorso nell’hotel di Farindola dove il piccolo Samuel si era salvato assieme agli altri tre bambini che in quei giorni maledetti soggiornavano nel resort.

Gli amici di Osimo raccolgono fondi per Samuel

Il motivo? Quei soldi non possono essere utilizzati fino a quando il giudice non nominerà un tutore definitivo. Subito dopo la tragedia il fratello di Dino, Alessandro Di Michelangelo, venne nominato tutore provvisorio di Samuel.

La generosità dei tanti cittadini di Osimo, città dove la famiglia Di Michelangelo viveva da qualche anno, ma anche dei cittadini di tutta Italia che si sono mobilitati per il futuro del bimbo rimasto orfano deve fare i conti con la burocrazia. Fino a quando non verrà nominato un tutore definitivo il Comune di Osimo sarà garante delle somme raccolte fino alla loro erogazione.

Seppur in via provvisoria, il tutore legale è stato riconfermato dal tribunale dei minori di Ancona ma è cambiata la competenza territoriale della tutela, che è passata da Ancona a Chieti, dove il bimbo vive dalla scomparsa dei genitori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scende l'Rt e Marsilio è fiducioso: "L'Abruzzo non sarà tutto rosso"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento