menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bimbo travolto dal treno, condannati genitori e nonno

La Corte d'assise di Chieti ha condannato a tre anni i genitori del piccolo Francesco Pio, il bimbo morto sotto un treno alla stazione S.Marco di Pescara

Tre condanne davanti alla Corte d'assise di Chieti al processo per la morte Francesco Pio Spinelli, il bambino di tre anni travolto e ucciso da un treno il 24 maggio del 2014 nei pressi della stazione S.Marco a Pescara.  

La madre, Loreta De Rosa, è stata condannata a tre anni di reclusione, 3 anni e 6 mesi di reclusione sono stati invece inflitti al padre della vittima, Virgilio Spinelli e al nonno Cristoforo Spinelli. I giudici di Chieti hanno sostenuto la tesi della Procura che chiedeva l'imputazione di omicidio colposo in concorso.

Il bambino, secondo l'accusa, quel giorno si allontanò da casa, dopo essere sfuggito al controllo della madre mentre giocava in giardino, e attraversò un varco della recinzione. Quindi raggiunse i binari dove sopraggiungeva il treno regionale partito da Roma Tiburtina.   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento