Bimba di dieci mesi rischia di soffocare al centro commerciale: salvata da un infermiere

Ha avuto la fortuna di incontrare il dirigente delle professioni infermieristiche alla Asl Lanciano Vasto Chieti Gennaro Scialò, che ha messo in atto l'apposita manovra che ha consentito alla piccola, oramai cianotica, di tornare a respirare

Un improvviso rigurgito di latte le aveva ostruito vie respiratorie: momenti di panico ieri mattina in un centro commerciale di Frosinone dove una bimba di dieci mesi ha rischiato di morire soffocata.

A strapparla alla morte è stato un 'angelo in camice bianco'. Il dottor Gennaro Scialò, dirigente delle Professioni sanitarie infermieristiche dell’Azienda sanitaria Abruzzo 2 Lanciano-Vasto-Chieti dallo scorso ottobre e presidente dell’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Frosinone, in quei momenti si trovava vicino il centro commerciale Le Sorgenti quando, come racconta FrosinoneToday, ha notato le urla e le richieste di aiuto di una famiglia.

Quando si è avvicinato la piccola era cianotica. Scialò ha subito chiesto ai presenti di attivare il 118. Poi ha preso tra le braccia la bimba in preda alla crisi respiratoria e le ha praticato la manovra per la disostruzione pediatrica delle vie aeree.

La bambina ha ripreso regolarmente a respirare. Quando sono arrivati i sanitari del 118 di Frosinone l’hanno presa in carico e trasportata in ospedale per accertamenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, famiglie in isolamento a Pescara dopo contatti con contagiati

  • Dai tavoli de "La Pecora Nera" al cinema per adulti: il primo film di Marilena Di Stilio

  • Coronavirus, riunione operativa in Regione: obbligo di isolamento per chi ha avuto contatti con le zone rosse

  • Coronavirus: 17enne in isolamento all'ospedale di Vasto, è appena tornata da Padova

  • Anffas Chieti in lutto: è morta la presidente Gabriella Casalvieri

  • Coronavirus, negativo il tampone sulla giovane ricoverata a Vasto

Torna su
ChietiToday è in caricamento