menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una delle manifestazioni del Comitato cittadino

Una delle manifestazioni del Comitato cittadino

Biblioteca alla villa comunale, l'appello del Comitato cittadino: "Un luogo capace di guardare al futuro"

Sei anni fa raccolse le oltre 8 mila firme che chiedevano di portare la De Meis nella ex Bucciante e ora delinea le caratteristiche della nuova biblioteca

Soddisfazione del Comitato cittadino per la salvaguardia e il rilancio di Chieti per le novità in merito alla realizzazione della biblioteca provinciale De Meis alla villa comunale, annunciate oggi dal presidente Mario Pupillo. Sono stati infatti consegnati i lavori per la stesura del progetto esecutivo della cittadella della cultura che sorgerà all'interno della ex caserma Bucciante. 

Per il comitato, quello di oggi "è un nuovo passo importante sulla strada, finora più lunga e impervia del previsto, che porterà al trasferimento della Biblioteca De Meis nella futura Cittadella della Cultura, in una struttura e in un sito certamente più consoni a una istituzione che si appresta a celebrare i 300 anni di vita e che costituisce il deposito librario e culturale più importante in Abruzzo".

Il coordinatore Giampiero Perrotti, ricorda quanto fu importante il ruolo del Comitato nell'arrivare a questa soluzione: nel 2014, infatti, chiamò a raccolta i cittadini di Chieti, che, in poco più di un mese, sottoscrissero in più di 8 mila la richiesta di ospitare alla villa comunale la biblioteca crollata 9 anni prima

"Come Comitato - aggiunge - non possiamo che esprimere la nostra soddisfazione per il fatto che il compito di  progettare la nuova De Meis sia stato affidato, attraverso un bando europeo e una gara ampiamente partecipata, a uno studio, la Società Italiana Servizi, di notorio, consolidato valore formata da professionisti che vivendo in questa città ne conoscono a fondo esigenze ed aspettative. E le prime indicazioni da loro manifestate ci confortano in quanto coincidono con quelle di una collettività e di una utenza le cui attese il nostro Comitato ha avuto modo a suo tempo di registrare, attese e desiderata che a loro chiederemo la cortesia di poter sottoporre quanto prima aprendo un dialogo e un confronto, nel rispetto ovviamente delle dovute competenze e professionalità".

In particolare, il Comitato chiede che "le scelte progettuali che si andranno a fare consentano di dar vita ad una biblioteca capace di guardare al futuro e alle migliori esperienze esistenti nel nostro Paese, una biblioteca che non sia solo luogo di conservazione del patrimonio librario e di studio ma anche, in un quadro di modernizzazione dell’offerta, e con l’ausilio delle recenti tecnologie, uno strumento di formazione, di aggregazione sociale, di produzione e promozione culturale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento