menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'ex presidente di Confcommercio Allegrino condannato a 4 anni per bancarotta fraudolenta

Condannato a 3 anni e 8 mesi il figlio Luciano. Secondo l’accusa gli imputati avrebbero sottratto, con nocumento per i creditori, libro giornale, inventari, registri Iva acquisti-vendite dal 2007-2010, impedendo alla Curatela la ricostruzione del patrimonio e del movimento affari della fallita società

Una condanna a 4 anni di reclusione per l'ex presidente di Confcommercio Chieti Angelo Allegrino, e a 3 anni e 8 mesi per il figlio Luciano, inflitta dal tribunale di Lanciano nell'ambito del procedimento sul fallimento dell'azienda caseria di famiglia.

A padre e figlio, amministratori della società Latteria Abruzzesi, imputati per bancarotta fraudolenta, sono stati contestati i reati di sottrazione di scritture contabili e di sottrazione dalla massa fallimentare di beni, anche strumentali, per un valore di 422.588 euro. Secondo l’accusa gli imputati avrebbero sottratto, con nocumento per i creditori, libro giornale, inventari, registri Iva acquisti-vendite dal 2007-2010, impedendo alla Curatela la ricostruzione del patrimonio e del movimento affari della fallita società. Inoltre avrebbero distratto dalla massa fallimentare macchinari e altri impianti specifici per un valore di 39.300 euro e dall’attivo fallimentare merce per un valore di 383.288 euro, dichiarato nel bilancio 2008, con un ‘ulteriore distrazione di cassa per 1.081 euro.

Allegrino, lancianese, 74 anni, è l'attuale presidente di Ascom Abruzzo. Fino a ottobre 2013 è stato alla guida di Confcomercio Chieti, pur con una parabola discendente. A maggio di quell'anno, sei consiglieri dell'esecutivo provinciale lo sfiduciarono, accusandolo di una gestione troppo personalistica dell'associazione di categoria e di una vivace gestione dei fondi della stessa, che sfociò con un esposto in procura e, in seguito, in un processo. Ma lui si è sempre difeso dalle accuse.

Nell'ambito del processo per bancarotta fraudolenta, il pm Andrea Papalia aveva chiesto 4 anni per Angelo Allegrino e 3 anni e 8 mesi per il figlio. Ma il giudice ha dunque accolto la richiesta di condanna per il padre e inasprito quella per il figlio. Gli avvocati della difesa, Consuelo Di Martino e Antonella Fantini, hanno annunciato che presenteranno ricorso in Appello.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento