Auto rubata a Madonna del Freddo per la seconda volta in un anno

Il furto in via Cilea lunedì. Ma i casi sono tantissimi nel quartiere. E si pensa ad un basista nella zona

Non accenna a placarsi la scia di furti che negli ultimi mesi si è impossessata del quartiere Levante. L’ultimo colpo lunedì mattina, quando una Panda 4x4 rossa è stata rubata in via Cilea, a pochi passi dal parco di Madonna del Freddo. Un furto fotocopia, visto che al proprietario già l’anno scorso era stata rubata l’auto. In quel caso però, la vettura venne trovata poco tempo dopo vicino alla scuola elementare con danni alla portiera e la centralina divelta.

Anche stavolta è stata sporta regolare denuncia. Il sospetto è che ci sia un basista nella zona che conosce bene le abitudini dei residenti. E c’è un particolare non meno inquietante che alcuni residenti ci hanno raccontato: vicino al citofono di uno dei condomini è apparso un simbolo raffigurante un cerchio con una x sopra che indicherebbe, secondo un codice segreto attribuito ai ladri, che l’appartamento è ‘non interessante’, forse proprio perché già oggetto di furti.

Intanto i casi analoghi non si contano più a Madonna del Freddo, dove non ci si sente più tanto sicuri e si invocano maggiori controlli. Tempo fa era stata diffusa anche una petizione fra i residenti per chiedere telecamere di sorveglianza e ronde notturne private.

VIAGGIO NEI QUARTIERI: IL LEVANTE

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sentenza storica per gli ex militari transitati all'impiego civile: accolta la tesi del legale teatino Pierluigi Abrugiati

  • Lutto nella sanità abruzzese: si è spenta la dottoressa Mariangela Bellisario

  • Un abruzzese nell'inferno di Wuahn in quarantena per il virus cinese

  • Coronavirus: la circolare del Ministero della Salute per non contrarre il virus cinese

  • In tribunale con gli screenshots delle conversazioni della moglie per provare il tradimento ma viene denunciato

  • L'infermiere era costretto a mansioni da Oss: condannata l'azienda sanitaria

Torna su
ChietiToday è in caricamento