Cronaca Atessa

Operazione "Chiavetta Magica", chiesto il giudizio per 18 persone

L'accusa è di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla clonazione di sistemi di pagamento elettronico. Al vaglio la posizione di altri 130 indagati

L'avevano ribattezzata "Operazione Chiavetta Magica", in quanto i Carabinieri di Termoli (con la collaborazione dei colleghi di varie compagnie, tra cui quella di Lanciano) erano riusciti a scoprire un giro di chiavette clonate per il pagamento dei distributori di bevande e snack che venivano utilizzate in vari stabilimenti Fiat, compresa la Sevel di Atessa.

Ora il procuratore capo di Larino, Ludovico Vaccaro, ha chiesto il rinvio a giudizio per 18 persone. L'accusa è di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla clonazione di sistemi di pagamento elettronico. 

Secondo la ricostruzione, gli operai pagavano 5 euro all'organizzazione che clonava le chiavette e consumavano 15 euro di snack e bevande nei distributori automatici situati alla Sevel, nonchè in altri stabilimenti Fiat del sud Italia, per un giro d'affari superiore ai 300.000 euro. Si trattava di una vera e propria truffa, in quanto i gestori delle macchinette non guadagnavano assolutamente nulla da tutta questa manovra.

Gli indagati sono finora 130, e anche chi ha semplicemente fatto uso delle chiavette clonate rischia di finire sotto processo. Questa posizione, tuttavia, verrà vagliata dagli inquirenti in un secondo momento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operazione "Chiavetta Magica", chiesto il giudizio per 18 persone

ChietiToday è in caricamento