menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Casa popolare sporca, l'assessore Saute: "La famiglia ha accettato di fare i lavori"

“Ciò che la famiglia ha omesso di riferire - spiega - è di aver chiesto e non ottenuto, l’assegnazione di un altro alloggio di maggior metratura e diversa ubicazione, contestualmente resosi disponibile”

“La famiglia ha accettato di eseguire i lavori di ristrutturazione”. Così l’assessore alle Politiche della casa Maria Rita Salute replica, con una nota stampa, alla segnalazione pubblicata ieri, di una casa di proprietà del comune in condizioni attualmente invivibili.

“Tengo a precisare - spiega - che al nucleo familiare in questione (due componenti) non è stato sottaciuto lo stato dell’immobile”. I lavori necessari sono stati quantificati nella misura di 700-800 euro. 

“Ciò che la famiglia ha omesso di riferire - prosegue - è di aver chiesto e non ottenuto, l’assegnazione di un altro alloggio di maggior metratura e diversa ubicazione, contestualmente resosi disponibile”. Ma quell’alloggio è stato assegnato ad altri, in base della graduatoria. 

E precisa: “Per accelerare le assegnazioni e, quindi, soddisfare le esigenze di famiglie in emergenza abitativa, ma anche e soprattutto per evitare occupazioni abusive di alloggi lasciati liberi, nelle more di lavori di ristrutturazione da parte dell’Ente, si propone, nei casi meno gravi, l’assegnazione previo ripristino a carico dei futuri assegnatari i cui costi documentati saranno compensati con i canoni di locazione dovuti all’ente. Questo è quanto si è verificato nel caso di specie. Questi sono i fatti sulla base del contenuto del provvedimento di assegnazione e del sopralluogo tecnico preventivamente effettuato presso l’abitazione”. 

L’assessore Salute lamenta inoltre che, spesso, gli alloggi che tornano nella disponibilità dell’ente per nuove assegnazione sono in condizioni di gran lunga peggiori di quello di cui abbiamo raccontato ieri, “a dimostrare - denuncia - l’assoluta mancanza di senso civico e di rispetto della cosa pubblica”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento