Cronaca Lanciano

Si assentava dal lavoro per aiutare la moglie in negozio: condannato capo cantoniere della Provincia

Il tribunale di Lanciano ha condannato a 8 mesi e a 600 euro di multa Agostino Ramondo. L'uomo, capo cantoniere della Provincia di Chieti, venne arrestato nel 2015 per presunto assenteismo

Timbrava il cartellino ma si assentava per aiutare la moglie al lavoro nella tabaccheria-edicola o per sbrigare faccende personali.

Con l'accusa di presunto assenteismo, un capo cantoniere della Provincia di Chieti, Agostino Ramondo, 57 anni, di Casoli, nel 2015 era stato arrestato e posto ai domiciliari.

Ieri il tribunale collegiale di Lanciano lo ha condannato a 8 mesi di reclusione e 600 euro di multa, pena sospesa, per truffa aggravata ai danni dello Stato. Il capo cantoniere è stato inoltre condannato al risarcimento danni, in separata sede, a favore della Provincia che si è costituita parte civile.

Su oltre una decina di casi di assenze ingiustificate il tribunale gliene ha riconosciute cinque. L'imputato, che ha sempre respinto le accuse, è stato assolto perché il fatto non sussiste da altre presunte assenze dal lavoro e dagli altri reati contestati quali peculato e falso ideologico.

La procura di Lanciano aveva chiesto 5 anni di reclusione. Ora la difesa ha preannunciato ricorso in Appello.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si assentava dal lavoro per aiutare la moglie in negozio: condannato capo cantoniere della Provincia

ChietiToday è in caricamento