Cronaca

Zavattaro replica a Mascitelli: "Nuovi macchinari per ridurre le liste d'attesa"

Il direttore generale della Asl si difende dalle accuse del senatore Idv, che nei giorni scorsi aveva affermato che i fondi per velocizzare le liste d'attesa sarebbero stati destinati all'acquisto di nuovi macchinari

L’accusa di aver sottratto fondi delle liste d’attesa è di una gravità inaudita, lo trovo inaccettabile, anche perché configura profili di illegittimità che non appartengono a questa Direzione”. Il manager della Asl Francesco Zavattaro replica duramente a quanto affermato nei giorni scorsi dal senato Alfonso Mascitelli (Idv), che aveva accusato la Regione di aver destinato i fondi per accorciare le liste d’attesa all’ammodernamento dei macchinari.

“È stata criminalizzata – prosegue Zavattaro - la nostra decisione di investire su un patrimonio tecnologico obsoleto, insufficiente e vecchio di vent’anni: con le attrezzature che abbiamo a disposizione, poche e spesso mal funzionanti e soggette a guasti ripetuti, non possiamo garantire quei numeri di attività necessari a smaltire una domanda dell’utenza sempre più massiccia”.

E il direttore ricorre ad un esempio pratico: “All’ospedale di Chieti abbiamo trovato due Tac di età preistorica, lentissime, che richiedono tempi lunghi per ciascun esame, con la conseguenza che il numero di pazienti trattato diventa limitato”. I nuovi apparecchi, che dovrebbero essere installati già nei prossimi giorni, “eseguono scansioni velocissime, e permettono non solo di raddoppiare le prestazioni, con riduzione delle liste d’attesa, ma di esporre gli utenti a livelli di radiazioni notevolmente più bassi, con implicazioni evidenti in termini di sicurezza”.

Una situazione comune alle altre attrezzature: secondo il manager “un adeguamento complessivo era una priorità irrinunciabile. Noi abbiamo compiuto una scelta di segno diverso unicamente nell’interesse dei cittadini, che hanno diritto a un’assistenza adeguata senza essere esposti a rischi derivanti dall’utilizzo di attrezzature vecchie e tecnologie superate”. L’obiettivo, quindi, è quello di raggiungere una sanità più veloce e più moderna, con un’organizzazione più efficiente e tecnologie avanzate. 

Francesco Zavattaro replica anche alle accuse di scarsa trasparenza del Tribunale per i diritti del malato, definendole “falsità”. E assicura che “quest’azienda non ha mai negato i documenti ad alcuno, e che l’accesso è garantito dalle norme in materia di trasparenza a cui questa Direzione non si è mai sottratta. I bilanci, come tutti gli altri atti, sono pubblici. Per prenderne visione basta semplicemente seguire quel minimo di procedura che la stessa legge richiede”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zavattaro replica a Mascitelli: "Nuovi macchinari per ridurre le liste d'attesa"

ChietiToday è in caricamento