menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'appello della Asl alle aziende: "Dateci le mascherine che non usate"

I presidi di protezione scarseggiano anche nel mercato estero: l'azienda sanitaria è disposta ad acquistarle per affrontare l'emergenza con una dotazione di mezzi più consistente

"Servono mascherine, guanti, cuffie e tutti i dispositivi di protezione individuale. Siamo disposti ad acquistarli anche da aziende che abitualmente li utilizzano, ma in questo momento hanno il fermo produttivo": è l'accorato appello del direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Thomas Schael, impegnato nel reperimento di presidi da destinare agli operatori sanitari per garantire a tutti condizioni di sicurezza.

Vista la difficoltà estrema nell'acquisizione di tali dispositivi, divenuti introvabili anche sul mercato estero, e in attesa che arrivino le forniture da parte della Protezione Civile, la direzione Asl chiede aiuto alle aziende del territorio per fare fronte alle esigenze di questi giorni e al primo impatto dei casi di Coronavirus negli ospedali della provincia di Chieti

Il richiamo, dunque, è alla sensibilità delle imprese locali che utilizzano abitualmente questi presidi affinché possano offrirli in acquisto o in dono, e consentire all'azienda di affrontare l'emergenza con una dotazione di mezzi più consistente. 

Le offerte vanno presentate con un’e-mail al seguente indirizzo: protezione@asl2abruzzo.it

Qualche settimana fa, il manager della Asl aveva presentato denuncia perché in diversi ospedali della provincia erano stati rubati presidi di protezione come mascherine e tute.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento