Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca

Continua la battaglia contro le zone a traffico limitato: "Danneggiano il commercio"

"La quasi totalità dei residenti - dice Ascom Abruzzo - non è soddisfatta di questo provvedimento, in quanto i loro quartieri, soprattutto nelle ore notturne, sono isolati e pericolosi, soprattutto per donne e anziani"

Continuano le polemiche, a Lanciano, contro la zona a traffico limitato. L'Ascom Abruzzo torna sulla questione, dopo aver denunciato, qualche mese fa "un drastico calo degli affari" per i commercianti del centro. 

"La quasi totalità dei residenti - dice Ascom - non è soddisfatta di questo provvedimento, in quanto i loro quartieri, soprattutto nelle ore notturne, sono isolati e pericolosi, soprattutto per donne e anziani. Inoltre molti residenti, nonostante il rilascio del tesserino per entrare nella propria Ztl, hanno ricevuto decine di multe che non sono state annullate nemmeno in autotutela, ma sono state dovute impugnare davanti al giudice di pace". E più di tutto, ovviamente, ne risente il commercio. 

Inoltre, secondo quanto denuncia l'associazione, i cittadini hanno ricevuto numerosissime multe, comminate ingiustamente. "I Tar – ricorda Ascom - affermano che il provvedimento che limita il traffico in ambito urbano deve essere preceduto da un’attenta valutazione degli effetti che esso produce sulla salute, sulla sicurezza della circolazione, sul territorio, sul patrimonio ambientale e culturale e tale valutazione deve prendere in considerazione anche gli interessi delle categorie di persone che, per ragioni professionali o meno, siano interessate dalla limitazione. Quindi, oltre che ragioni di opportunità politica e di sensibilità, rispetto alle esigenze ed alle istanze della popolazione, anche da un punto di vista giuridico sarebbe stato opportuno che il Comune di Lanciano avesse fatto precedere qualsivoglia decisione da un’attenta ricognizione delle necessità oltre che dell’opinione di tutti coloro, non solo residenti, ma anche gestori di locali e proprietari di esercizi commerciali che avrebbero di lì a poco subito le conseguenze di una così drastica decisione sulla viabilità cittadina. Come mai non hanno chiesto ai commercianti interessati dalla Ztl cosa ne pensassero di quest’ultima?".

Secondo Ascom, giuridicamente le Ztl si possono eliminare, anche se per istituirle sono stati investiti 550mila euro, dunque si potrebbe rischiare l'intervento della Corte dei conti per danno erariale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Continua la battaglia contro le zone a traffico limitato: "Danneggiano il commercio"

ChietiToday è in caricamento