Ascensori rotti in tribunale, il Comune si difende: "Competenza della Provincia"

Già da martedì prossimo gli impianti potrebbero essere sistemati. Si tratta di un intervento di manutenzione straordinaria che spetta all'ente proprietario dello stabile, ossia la Provincia

Sono rotto da tempo gli ascensori a palazzo di Giustizia, il che rende impossibile per chi non è in grado di affrontare diverse rampe di scale, raggiungere le aule o gli uffici ai piani superiori.

Ma il Comune, responsabile dei lavori di ordinaria manutenzione fino al prossimo 31 agosto, si difende precisando di aver sempre portato a termine gli interventi necessari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il ripristino degli ascensori – puntualizza il sindaco Umberto Di Primio - rientra nella straordinaria manutenzione e, come tale, compete al proprietario dell’immobile di via Arniense, ovvero la Provincia di Chieti che sta provvedendo ai lavori di “avvolgimento del motore dell’ascensore”. L’intervento, mi è stato assicurato, sarà completato entro martedì della prossima settimana”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un'intera famiglia contagiata a Lanciano: hanno partecipato al funerale a Campobasso

  • Vasto e Chieti piangono la scomparsa del professor Domenico Rossi, morto a 50 anni per un malore

  • Estate 2020: in spiaggia con la mascherina, sotto l'ombrellone a 1 metro di distanza. Come si andrà al mare

  • Oggi sposi, nonostante il Coronavirus: Jessica e Francesco si sono sposati a Chieti in attesa dei loro gemellini

  • Coronavirus: nessun nuovo caso in provincia di Chieti, ma c'è una persona morta

  • Paglieta in lutto per Antonella, mamma di tre bambini scomparsa a 34 anni

Torna su
ChietiToday è in caricamento