menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Andava in treno a rifornirsi di droga da rivendere, in manette alla stazione

M.P., 45 anni, di Lanciano, è stato fermato alla stazione di San Vito Chietino. Nell'intimo aveva nascosto 160 dosi di cocaina, per un peso complessivo di 50 grammi circa, e due grossi involucri di cellophane contenenti 16 grammi di eroina, ancora da suddividere

Per non destare sospetti, aveva utilizzato il treno per raggiungere Pescara e approvvigionarsi di un ingente quantitativo di stupefacente destinato al mercato frentano e della costa di San Vito. Ma i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Ortona, che ne seguivano le sue tracce da tempo, non si sono fatti ingannare.

Dopo averlo  pedinato sin dalle prime ore della mattinata, sono riusciti a bloccarlo poco prima delle 14 di ieri alla stazione ferroviaria di San Vito Chietino, appena sceso proprio da un treno regionale proveniente da Pescara. I sospetti dei militari si sono trasformati in certezze quando dalla perquisizione personale dell’uomo, M.P., 45enne di Lanciano con piccoli precedenti di polizia, sono saltati fuori, ben occultati negli indumenti intimi, 160 dosi di cocaina, per un peso complessivo di 50 grammi circa, e due grossi involucri di cellophane contenenti 16 grammi di eroina, ancora da suddividere.

Per l’uomo è scattato l’arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, dopo le formalità di rito, su disposizione della procura della Repubblica presso il tribunale di Lanciano, è stato condotto nel carcere di Villa Stanazzo, in attesa dell’udienza di convalida.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: in Abruzzo 502 nuovi positivi e 10 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento