Cane investito su scorrimento veloce: veterinario gli salva la vita

Corre sul web la richiesta d'aiuto per il cagnolino investito a Casoli, rimasto paralizzato. Nicola ha preso il nome del veterinario che l'ha salvato per un pelo da una morte sulla strada.

Infermieri cercansi per Nicola, un cane che ha preso il nome del veterinario che l’ha salvato per un pelo da una morte sulla strada. L’appello disperato corre su Facebook e dopo la solidarietà dimostrata in tutto l’Abruzzo per gli animali messi a rischio dall’alluvione dei primi di dicembre, non è detto che la condivisione virale non possa trovare un tetto al cagnolino sfortunato.

L’8 dicembre scorso è stato investito su una strada a scorrimento veloce nelle vicinanze di Casoli da un’auto pirata. La schiena spezzata, un brutto taglio sul muso, il cane meticcio simile ad un labrador sembrava morto.

Poi su quella strada buia è passata una donna amante degli animali che non ha esitato un attimo a fermare l’auto per controllare se ci fosse ancora qualcosa da fare. Poggiata una mano sul muso del cane dalla pelliccia bianca, questo ha aperto gli occhi. In un attimo è scattata la chiamata al 112 e i carabinieri hanno allertato il soccorso della Asl. Il cane, in pessime condizioni fisiche, era reattivo e si accorgeva di quel che succedeva intorno a lui, tanto che il veterinario è riuscito a salvargli la vita.

Le lesioni riportate nell’incidente, però, non gli permetteranno più di camminare e anche se ora è ospitato e coccolato in una casa a Ripa Teatina, deve essere accudito quotidianamente per evitare piaghe da decubito ed infezioni.

Un tentativo per restituirgli la possibilità di camminare c’è e sarà operato a breve. Ma la persona che ospita il cane Nicola fra qualche settimana deve partire per gli Stati Uniti e non potrà occuparsene. Perciò è alla disperata ricerca di una famiglia che possa adottare il cane per prendersene cura e di altre persone che nel mese successivo all’intervento possano assistere l’animale evitando che cerchi di alzarsi mettendo a rischio il buon esito dell’operazione.

Si può rispondere all’appello su Facebook e chi volesse aiutare il cane investito in altro modo può donare soldi per la copertura delle spese mediche o acquistare coperte e traverse. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, famiglie in isolamento a Pescara dopo contatti con contagiati

  • Coronavirus, l'ordinanza della Regione Abruzzo: chi torna da zone a rischio deve comunicarlo al medico

  • Coronavirus, riunione operativa in Regione: obbligo di isolamento per chi ha avuto contatti con le zone rosse

  • Coronavirus, primo caso in Abruzzo: paziente positivo al primo test ricoverato a Teramo

  • Coronavirus: 17enne in isolamento all'ospedale di Vasto, è appena tornata da Padova

  • Coronavirus: sarà trasferito allo Spallanzani il primo paziente positivo in Abruzzo

Torna su
ChietiToday è in caricamento