menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anniversario sisma L'Aquila: l'omaggio della Guardia di Finanza alla città ferita

Gli allievi della Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza commemorano le 309 vittime del terremoto del 6 aprile 2009

Mille allievi della Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza commemoreranno oggi pomeriggio all’Aquila, le 309 vittime del terremoto del 6 aprile 2009, quando, alle ore 3:32, tremarono le mura degli edifici del capoluogo abruzzese e di molti altri comuni.

Gli allievi di oggi rivivranno, infatti, i momenti ed i luoghi ove i loro colleghi più anziani hanno operato, a sostegno della popolazione civile, con disponibilità e soprattutto solidarietà, valore imprescindibile per la costruzione di una professionalità etica, oltre che militare.

Alle 15 l’avvio della celebrazione con la deposizione di una Corona d’Alloro alla “Piazza 6 Aprile 2009” - piazza d’armi della Scuola di Coppito che ospitò i funerali di Stato delle 309 vittime. Interverranno il prefetto dell’Aquila Francesco Alecci, il sindaco Massimo Cialente, per la Guardia di Finanza presenzierà l’evento il comandante in Seconda Gen. C.A. Giorgio Toschi, accompagnato dal comandante della Scuola Gen. B. Michele Carbone.

Subito dopo, i mille allievi canteranno l’inno di Mameli eseguito dalla Fanfara della Legione Allievi della Guardia di Finanza, giunta per l’occasione da Bari.

Il 6 aprile 2009 i cittadini entrarono in caserma, trovando il conforto degli allievi con coperte e latte caldo; oggi saranno gli allievi ad uscire dalla scuola e a raggiungere, di corsa, gli aquilani nel cuore pulsante della città. In piazza Duomo poi, una rappresentativa degli allievi in formazione consegnerà un assegno circolare di 16 mila euro al sindaco per la realizzazione del Parco della Memoria, a testimonianza della loro vicinanza ai familiari delle vittime.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento