menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
marcia della legalità lunedì 23.3.2015

marcia della legalità lunedì 23.3.2015

"Anemos Metaboles": i ragazzi e lo spirito di cambiamento

Legalità e lotta alla mafia nell'editoriale del numero speciale del giornale del liceo classico "Vico" Anemos Metaboles: la verità illumina la giustizia

Parliamo di legalità con gli occhi chiusi.

Tante volte le scorciatoie ci sanno affascinare e ci trasportano là dove è lontano il profumo della giustizia: ha un odore lieve e dolce lei, è facile sporcarlo. Possiamo preferire l’odore del silenzio e del raggiro: è molto più attraente. Avremmo per noi la facilità di scelte che non dobbiamo affrontare, di pensieri che non dobbiamo far pesare. Perché è molto più semplice rimanere nel silenzio o chiudere le orecchie, far finta di non sapere, girare lo sguardo e continuare nella nostra ideale realtà, così da vivere tranquilli.

Ma sa di felicità, una vita di larghi sentieri? Forse no, quella si chiama sopravvivenza.

Pensiamo invece a quanto è difficile camminare rispettando persone, leggi, orari. Ogni giorno bisogna fare i conti con imposizioni al di fuori di noi. Sempre sotto comando: a questo punto meglio sopravvivere, che far camminare il grande orologio della giustizia.

Eppure la felicità, la vera felicità, non può prescindere dalla verità: quando siamo veri, si respira con occhi diversi! L’occhio giusto non ha timore, l’occhio vero agisce ed è luce; l’occhio illegale si guarda attorno con sospetto, l’occhio falso non vede altro che buio. Le menzogne anestetizzano i nostri pensieri e le nostre azioni, ci fanno girare per il mondo senza scopi, ci fanno ruotare senza farci arrivare mai in nessun punto.

Quando, invece, ci affidiamo alla verità e con coraggio camminiamo con lei, siamo liberi. E così il sapore della libertà inizia a sciogliersi lentamente sul palato.

Sappiamo quanto sia difficile essere liberi, vuol dire impegno, vuol dire sacrificio e consapevolezza; ma ne vale la pena.

Quando si lotta con se stessi per decidere con chi lottare, se con chi ama la verità o per chi ama camuffarla, vale la pena scegliere di contribuire alla lotta per il diritto più bello dell’uomo: la libertà.

E se pensiamo a quanti in suo nome sono diventati martiri, quanti per dare libertà alla verità hanno perso il respiro, dobbiamo ancora più convincerci di quanto essa sia potente!

Bisogna conoscere la verità se si vuole vivere come uomini e sarebbe più umano, se avessimo il coraggio di mantenerci uomini sempre.

Il mafioso, l’omertoso, l’assassino, che umanità ha?

Uomo che uccide per onore: che onore è?

Uomo che scioglie vite per odio, che getta fango per gioco, che si piega per paura, che beffa per avere valore: quanto vale?

Non lasciamoci ingannare dai falsi profumi: quelli veri pizzicano, danno fastidio, fanno paura a chi vorrebbe un mondo di maschere mute.

C’è bisogno di avere un volto che illumini la giustizia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento