menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Medicina non convenzionale, a Chieti primo ambulatorio di omeopatia e omotossicologia

Lo studio di Medicina biologica e funzionale al SS. Annunziata sarà l'unica struttura istituzionale in Abruzzo a occuparsi di omeopatia e omotossicologia. L'ambulatorio sarà diretto dalla dottoressa Tiziana Ferrara, medico del Pronto soccorso

L’Ospedale di Chieti sarà la prima struttura pubblica in Abruzzo a ospitare, da mercoledì 3 dicembre, un ambulatorio di "Medicina biologica e funzionale", dedicato al benessere psicofisico delle persone interessate a strumenti terapeutici innovativi e complementari rispetto alla medicina tradizionale, quali l’omeopatia e l’omotossicologia. L’ambulatorio, diretto dalla dottoressa Tiziana Ferrara, medico del Pronto soccorso dell’Ospedale di Chieti, resterà aperto al pubblico ogni mercoledì pomeriggio. Alla visita si accede tramite prenotazione al Centro unico di prenotazione aziendale. La prestazione sanitaria, in quanto al di fuori dei Livelli essenziali di assistenza, è soggetta a pagamento di 26 euro. "Sarà un filtro ospedaliero per intercettare un bisogno di 'altra terapia' - si legge in una nota della Asl - e dare risposte corrette in un ambito assistenziale istituzionale, evitando il rischio che figure professionali non qualificate possano proporsi in alternativa all’attività medica".

Così la Asl Lanciano Vasto Chieti andrà a colmare un vuoto in Abruzzo: altre Regioni come Toscana, Lombardia e Piemonte hanno già incluso le prestazioni di medicina complementare nella specialistica ambulatoriale, accogliendo precise richieste dell’Organizzazione mondiale della sanità, che esorta gli Stati Membri a fornire a consumatori e operatori sanitari una valida informazione sulla medicina non convenzionale per promuoverne un utilizzo appropriato, ovvero complementare e non alternativo alla medicina tradizionale.

"La medicina non convenzionale, che sia omeopatia o omotossicologia - spiega Tiziana Ferrara -, è uno strumento in più nel bagaglio del medico. Non va vista come un'alternativa al farmaco tradizionale, bensì come un elemento che riesce a coadiuvarlo nel trattamento di sintomi aspecifici. Le aree applicative della Medicina biologica e funzionale sono multiple e svariate, dalle patologie cronico-degenerative, come l’artrosi e l’osteoporosi, alle condizioni stress-correlate come la fatica cronica e i disturbi PNEI (PsicoNeuro Endocrino Immunologici); dai disordini metabolici come le epatopatie funzionali alle malattie infiammatorie come il colon irritabile, le dispepsie e la stipsi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento