Cronaca

L'altalena per i bimbi disabili continua a essere utilizzata in maniera impropria

Non è bastata la rottura a meno di 48 ore dall'inaugurazione: il gioco per i bimbi in carrozzina continua a essere oggetto di divertimento dei bambini normodotati i quali, anche a gruppi di tre-quattro, vengono sorpresi quasi quotidianamente sopra, col rischio di romperla di nuovo

Che sia stata conseguenza di un atto vandalico o di un uso improprio, quel che è certo è che l’altalena per i bimbi disabili al parco giochi della villa comunale non si è rotta per un difetto di fabbrica. La conferma arriva da Diritti Diretti, la onlus che ha donato ‘chiavi in mano’ la struttura al Comune di Chieti perchè i cittadini ne facessero un buon uso.

La pedana dell’altalena che serve a far salire e scendere le carrozzine è stata trovata fuori uso due giorni dopo l’inaugurazione. La ditta vastese che si è occupata dell’installazione ha provveduto pochi giorni dopo a consegnare la bulloneria necessaria a far ripartire il gioco in sicurezza. In questi giorni l’altalena sembra essere tornata funzionante ma, nonostante un apposito cartello spieghi in maniera chiara che l’utilizzo della stessa è riservato esclusivamente a bambini diversamente abili accompagnati da un adulto, in tanti, talvolta anche adolescenti, continuano a essere ‘beccati’ quasi quotidianamente a farne un uso improprio. Non di rado capita di vederli anche a gruppi di tre o quattro oscillare felici sull’altalena, ignari delle conseguenze. Invitati puntualmente a scendere, spesso molti si giustificano dicendo di non sapere come si utilizza il gioco. Introvabili il più delle volte i genitori.

E pensare che le premesse erano totalmente diverse, quel sabato mattina, quando, in un’atmosfera di gioia e speranza, l’altalena era stata inaugurata nel parco giochi vicino al laghetto. Accanto alla presidente di Diritti Diretti, Simona Petaccia, e al sindaco Di Primio c’era anche quella Cheti che non ama farsi fotografare e che si impegna nel quotidiano per diffondere quel “virus dell’accessibilità”. Un concetto che chi ha messo ko l’altalena a meno di 48 ore dall’inaugurazione ha dimostrato di non comprendere.

Resta l’amarezza, in primis quella di Simona Petaccia, che si limita a dire: “Mi auguro solo che il senso civico vinca rispetto a questi atti di inciviltà”.

L’altalena accessibile è frutto di una raccolta fondi e di un lavoro intenso della onlus durato da novembre a giugno per pensare, oltre al gioco, anche alla piattaforma e alla gomma antitrauma. Ma alla fine, grazie alla generosità dei cittadini e di qualche impresa, si è riusciti a raccogliere gli oltre 4mila euro necessari a regalare il gioco per bimbi disabili al parco.

Da adesso però, le attenzioni di Diritti Diretti si concentreranno sui Musei: da settembre la onlus, in collaborazione con l’università d’Annunzio, organizzerà un corso di formazione all’accessibilità universale nel campo dei beni culturali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'altalena per i bimbi disabili continua a essere utilizzata in maniera impropria

ChietiToday è in caricamento