Allagamenti Madonna delle Piane, nuovo sistema di raccolta acque piovane

Il maltempo degli ultimi giorni non ha risparmiato il quartiere dal solito disagio. E il Comune correrà ai ripari, entro la prossima settimana, per realizzare nuove linee di raccolta delle acque bianche, potenziamento delle caditoie, un sistema di griglie stradali

Nuova linea di raccolta delle acque allo Scalo, dopo i ripetuti allagamenti di via Pescara e via D’Annunzio. Il maltempo di ieri (giovedì 10 luglio), infatti, ha fatto riemergere il problema che da tempo affligge il quartiere.

E l’amministrazione assicura che la prossima settimana si correrà ai ripari “con un progetto puntuale – dice l’assessore ai Lavori pubblici Mario Colantonio – finalizzato alla migliore evacuazione delle acque piovane”.

Nel quartiere si stanno realizzando nuove linee di raccolta delle acque bianche, con un potenziamento delle caditoie che saranno posizionate sulla nuova linea di diametro 400 nella piazza che costeggia via Lalli. Sull’incrocio di via Campobasso con innesto su via Pescara, invece, sarà realizzato un sistema di griglie stradali da collegare con uno scatolato fognario mai usato per la raccolta delle acque.

Anche negli incroci fra via Lalli e via Campobasso e fra questa e via D’Annunzio saranno realizzate due griglie viarie di raccolta delle acque. “Non si verificheranno più i frequenti allagamenti del passato”, assicura l’assessore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba di dieci mesi rischia di soffocare al centro commerciale: salvata da un infermiere

  • La simpatia di Alessandra da Chieti conquista la puntata di Avanti un altro

  • Tragico incidente: auto finisce in un fosso a pochi metri dalla cerimonia per Rigopiano, morta una donna di Chieti

  • Sentenza storica per gli ex militari transitati all'impiego civile: accolta la tesi del legale teatino Pierluigi Abrugiati

  • Trova i ladri in camera da letto mentre gioca alla Play: paura in casa a Vasto Marina

  • Cane investito e ucciso in pieno centro nell'indifferenza, la rabbia dei padroni: "Il responsabile deve pagare"

Torna su
ChietiToday è in caricamento