Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Rocca San Giovanni

Alga tossica in mare: stop ai bagni a Rocca San Giovanni e Fossacesia

E' scattato ieri il divieto di balneazione su un pezzo di Costa dei Trabocchi: nei giorni scorsi alcune persone che si erano recate sulla spiaggia "La Foce" erano finite al Pronto Soccorso

E’ scattato ieri sera il divieto di balneazione su due comuni della Costa dei Trabocchi: il litorale di Rocca San Giovanni e un piccolo tratto a Fossacesia.

 L’Arta ha rilevato la presenza della Ostreoptis Ovata: un’alga marina potenzialmente tossica che prolifera perlopiù in acque stagnanti.

Da sabato scorso una decina di bagnanti, dopo aver fatto il bagno a Foce della Rocca, erano finiti al pronto soccorso di Lanciano lamentando sintomi quali dolori alla trachea, difficoltà respiratorie, dolori allo stomaco, spossatezza nausea e febbre. Ieri, dopo i risultati delle analisi, sono arrivate le ordinanze di divieto a tempo indeterminato firmate dai sindaci dei due comuni, Gianni Di Rito e Fausto Stante. A Rocca San Giovanni stop ai  bagni per tutto il tratto di costa da Vallegrotte fino al Cavalluccio, a Fossacesia sul tratto di spiaggia davanti la vecchia stazione.

Dall’ISPRA spiegano che  “La Ostreoptis Ovata è un’alga tipica delle acque tropicali, ma si è sviluppata negli ultimi anni alle nostre latitudini grazie a condizioni climatiche favorevoli come il caldo e la temperatura elevata delle acque nei mesi di luglio e agosto. A causarne la tossicità è il bloom, una fioritura improvvisa di milioni di cellule per litro”. Sempre secondo quanto riportato dall’ISPRA l’intossicazione avverrebbe non solo con la balneazione ma anche con la semplice inalazione dell'aerosol marino.

Critiche da Nuovo Senso Civico al sindaco di Rocca San Giovanni, Gianni Di Rito, per aver trattato con superficialità la questione.  “Il sindaco e medico Di Rito - riferiscono – ha teso immediatamente a minimizzare l'accaduto rassicurando tutti ed invitando a tornare al mare senza problemi, prima di qualsiasi approfondimento scientifico e sanitario. Addirittura l'ARTA (Agenzia Regionale Tutela Ambiente), secondo le dichiarazioni fatte alla stampa dal primo cittadino, avrebbe escluso qualsiasi anomalia dopo una prima indagine visiva”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alga tossica in mare: stop ai bagni a Rocca San Giovanni e Fossacesia

ChietiToday è in caricamento