menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Le radici danneggiano la pavimentazione": Comune decide di abbattere alberi secolari

I cipressi abbattuti nel cimitero di Carpineto Sinello, l'appello del Wwf: "Fermate lo scempio"

Alberi secolari abbattuti in questi giorni a Carpineto Sinello: lo denuncia il Wwf dopo le segnalazioni arrivate da alcuni cittadini.

Nel cimitero del paese diversi cipressi secolari stanno crollando sotto le motoseghe.

"Si ratta di alberi sani - afferma Fabrizia Arduini, presidente dell’associazione Wwf Zona Frentana e Costa Teatina -  che hanno l’unica colpa di sollevare in alcuni punti le costruzioni in cemento a causa delle proprie radici. Leggiamo dall’ordinanza del Comune le motivazioni a dir poco discutibili: 'le piante hanno avuto un forte accrescimento sia a livello di radici che in altezza nel corso della loro vita', ci sembra una premessa alquanto pretestuosa e contraddittoria, in quanto le piante che crescono in altezza e a livello di radici sono piante sane".

L’ ordinanza comunale numero 14 del 2020 firmata dal sindaco Antonio Colonna recita ancora:

“Tenuto conto che la presenza di queste piante recano un forte danno alla pavimentazione, alle cappelle e alle tombe, a causa della crescita delle radici”.

"Non capiamo la gravità dei danni che le radici recano alle tombe o, qualora siano così rigogliose, perché non intervenire sulla pavimentazione e cordoli o sulle cappelle e non sterminando le piante?" si chiede il Wwf ricordando che i cipressi in questione "a 99 anni di vita non sono affatto senescenti ma sono semplicemente maturi. Non riscontriamo la somma urgenza degli abbattimenti per l’incolumità - conclude - in quanto potevano essere messi in sicurezza cordoli e pavimentazioni invece che far sparire per sempre alberi simbolo anche della comunità locale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento