Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Torino di Sangro

Aggredisce una donna e poi prende a calci i carabinieri: arrestato un giovane

È accaduto ieri sera, a Torino di Sangro, quando un 22enne di origini ghanesi se l'è presa con la proprietaria di un bar pizzeria sul lungomare e poi con i militari

Ha aggredito la titolare di un bar e, quando sono arrivati i carabinieri, si è scagliato anche contro di loro, al punto che alcuni hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari. 

Per questo, un giovane di origine ghanese, classe 1999, già noto alle forze dell'ordine per episodi simili, è stato arrestato per l'aggressione alla donna e per violenza e resistenza nei confronti dei carabinieri. 

È accaduto nella serata di ieri. La titolare di un bar pizzeria sul lungomare di Torino di Sangro stava per chiudere il locale, quando è arrivato il 22enne. Il giovane, completamente ubriaco, prima l'ha infastidita, per poi arrivare addirittura ad aggrediarla. 

I carabinieri delle stazioni di Torino di Sangro e Fossacesia, intervenuti in servizio preventivo lungo la costa dei trabocchi, sono intervenuti prontamente. Lo hanno trovato disteso a terra, con un taglio di piccole dimensioni allo zigomo, così hanno chiamato un'ambulanza del 118. 

Alla vista delle divise e dei soccorritori, il giovane ha cercato di fuggire lungo la battigia e, una volta bloccato, ha aggredito anche i carabinieri, alcuni dei quali hanno dovuto farsi curare per i calci ricevuti. Una volta fermato e portato nella caserma di Fossacesia, ha continuato a prendere a calci tutto quello che trovava sulla sua strada.

Il giovane, che gia? in passato si era reso responsabile di episodi simili, e? stato arrestato. 

Stamani si è celebrata l'udienza di convalida: il gip del tribunale di Vasto ha disposto la remissione in liberta? con l’obbligo di firma giornaliera dai carabinieri di Lanciano. Il dibattimento è fissato al prossimo 6 ottobre. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredisce una donna e poi prende a calci i carabinieri: arrestato un giovane

ChietiToday è in caricamento