menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggredito e rapinato in pieno giorno mentre va in banca: mattinata di terrore a Madonna delle Piane

La vittima è un uomo che stava andando a depositare un ingente numero di contanti. In due, a volto coperto, lo hanno assalito sulla trafficatissima Tiburtina

Rapina in pieno giorno, nella tarda mattinata di oggi (lunedì 13 marzo), in viale Unità d'Italia, in zona Madonna delle Piane, a Chieti Scalo. La vittima è un uomo, che stava andando nella filiale di Banca Marche della zona per versare contanti e assegni, probabilmente l'incasso di alcuni impianti di benzina che gestisce.  

Intorno alle ore 13, la vittima ha parcheggiato la sua automobile accanto al marciapiede adiacente l'istituto di credito, a pochi metri dal sottopassaggio pedonale della stazione ferroviaria. Una volta sceso dall'auto, ha avuto solo il tempo di fare qualche passo, quando all'improvviso è stato aggredito da un individuo col volto coperto, che brandiva una pistola elettrica. Questo ha iniziato a strattonare la busta di plastica contenente i contanti da versare in banca. 

L'uomo ha tenuto duro, cercando di non mollare la presa, ma all'improvviso è sbucata un'altra persona, anche questa a volto coperto, per dare manforte al primo malvivente. La vittima è caduta a terra e i due sono riusciti a impossessarsi del denaro, fuggendo a piedi verso il sottopasso della stazione. In tutto hanno portato via oltre 10mila euro in contanti

Della rapina si è accorta una coppia che passava in auto: il conducente ha visto il malcapitato aggredito dai due e ha suonato il clacson per cercare di confonderli, prima di potersi fermare per aiutare la vittima, ma i due malviventi sono comunque riusciti a portare via il bottino. Sul posto, per i rilievi, sono intervenuti polizia, carabinieri e un'ambulanza del 118, che ha medicato l'uomo rimasto lievemente ferito al volto

Ora si cerca di capire, dalle telecamere installate in zona, da dove siano sbucati i due malviventi, dove siano fuggiti e chi li abbia aiutati a far perdere le proprie tracce. L'ipotesi è che i rapinatori conoscessero bene le abitudini della loro vittima, che dopo averlo individuato ne abbiano studiato movimenti, orari e spostamenti. Nell'aggressione, infatti, sono andati a colpo sicuro, certi di trovare un ingente numero di denaro contante, senza temere di trovarsi in una zona a quell'ora piuttosto trafficata, visto che l'ingresso della banca si trova sulla Tiburtina, una delle strade principali della città bassa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento