menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo le persecuzioni alla vicina spara ai carabinieri: arrestato

Nudo sul balcone, l'uomo ha prima lanciato piatti e poi sparato colpi di carabina ad aria compressa, fortunatamente senza colpire nessuno. I militari hanno scoperto anche che si era allacciato abusivamente all'impianto della pubblica illuminazione

Serata di follia, quella di ieri (mercoledì 21 settembre), per N.L., 50 anni, di Mozzagrogna, che, completamente nudo, dal balcone di casa ha aggredito i carabinieri prima lanciando piatti da cucina, poi accanendosi contro l'auto di servizio e infine sparando alcuni colpi di carabina ad aria compressa. Per lui sono scattate le manette e deve rispondere di atti persecutori, resistenza a pubblico ufficiale, tentate lesioni aggravate e furto aggravato. 

Tutto è iniziato quando all'ora di cena la vicina, una donna di 51 anni ha allertato il 112 per l'ennesima minaccia ricevuta dall'uomo. Da tempo, infatti, la donna lo aveva ripetutamente denunciato per stalking ai carabinieri di Fossacesia e al commissariato di polizia di Lanciano, visto che era tempestata da insulti e minacce. 

Così, i carabinieri di Fossacesia sono andati nella sua abitazione, ma subito si è scatenato il putiferio e i militari hanno subìto un'aggressione prolungata.  L'uomo, già noto alle forze dell'ordine, era fuori di sè e, senza vestiti, ha prima lanciato i piatti, poi ha sparato con la carabina colpita con pallini di piombo. A quel punto i militari sono riusciti ad entrare in casa e, dopo aver disarmato l'uomo, lo hanno arrestato.

Bloccata la follia del 50enne, i carabinieri hanno iniziato la persquisizione domiciliare, da cui è emerso che l'uomo aveva collegato in maniera abusiva l'impianto elettrico della sua abitazione con quello della pubblica illuminazione. Così sono scattate le manette. L'arrestato ha trascorso la notte in una camera di sicurezza della compagnia dei carabinieri di Ortona e questa mattina (giovedì 22 settembre) il gip del tribunale di Lanciano ha convalidato l'arresto, spalancando all'uomo le porte del carcere. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento