Cronaca

Addio allo chef Nicola Ranieri, ambasciatore dell’enogastronomia italiana nel mondo

Si è spento a Lanciano. Chef di successo in svariati posti, come la “Taverna Ranieri” di Lanciano e il ristorante “Regine” all’Hotel Dangiò di Chieti

Lanciano e il mondo dell’enogastronomia piangono la scomparsa di Nicola Ranieri, uno dei maestri della cucina regionale.

Lo chef, nato nel 1935, è venuto a mancare nella notte tra giovedì e venerdì nella sua abitazione di Lanciano.

Ambasciatore dell’enogastronomia italiana e abruzzese nel mondo, Ranieri è stato lo chef di rinomati ristoranti abruzzesi come la “Taverna Ranieri” di Lanciano e il ristorante “Regine” all’interno dello storico hotel Dangiò a Chieti. Ha promosso la cucina abruzzese in Italia e nel mondo con tantissime iniziative.

“È andato via un grande chef, un uomo dallo spiccato senso dell’umorismo, dotato di una grande fantasia, intraprendente e innamorato dell’Abruzzo – lo ricorda il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, legato a Ranieri da un'amicizia di lunga data - con lui non si gustavano solo piatti prelibati, sapientemente preparati, ma si girava il mondo, si conoscevano usi e tradizioni di popoli lontani”.

I funerali si terranno oggi, sabato 7 agosto, nella chiesa di S. Antonio a Lanciano.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio allo chef Nicola Ranieri, ambasciatore dell’enogastronomia italiana nel mondo

ChietiToday è in caricamento