Cronaca Lanciano

Acqua: Casturà (Verdi), "I risultati referendari vanno rispettati"

Per l'esponente ambientalista "è giusto che il Comune di Lanciano studi un metodo per abolire dalla tariffa la quota della remunerazione del capitale investito".

La neo-coordinatrice dei Verdi di Lanciano, Miriam Casturà, invita al rispetto dei risultati del referendum sull'acqua pubblica tenutosi nello scorso mese di giugno: "E' importante che a Lanciano si sia formato un tavolo tecnico per un confronto sulla questione `acqua´ con Sindaci, Comitati e Sasi - scrive Casturà in una nota - Per noi del partito dei Verdi è un bel passo in avanti dato che il Consigliere Alex Caporale, che ci rappresenta in Comune, presentò nel Gennaio 2012 un'interrogazione per il rispetto dei risultati referendari".

Per l'esponente ambientalista, "E' giusto che il Comune di Lanciano studi un metodo per abolire dalla tariffa la quota della remunerazione del capitale investito, pari ad oltre il 7%, come previsto dall´esito del referendum sull´acqua. Purtroppo sono trascorsi vari mesi dal Giugno 2011 e le Autorità di Ambito Territoriale ottimale e tutti i gestori del servizio idrico integrato hanno ignorato l´esito referendario. Si tratta di rispettare il voto dei cittadini: vorremmo ricordare che Lanciano è la Città abruzzese con più di 15.000 abitanti a più alta percentuale di partecipazione al voto ai referendum del 12 e 13 Giugno 2011".

La Casturà si dice infine "soddisfatta che anche grazie all´interrogazione discussa dal Consigliere Alex Caporale in Consiglio comunale il 5 marzo 2012, i Rappresentanti della nostra Città hanno deciso di prendere un impegno per rispettare la scelta dei cittadini che hanno manifestato una chiara volontà votando "Sì" al Referendum sull'Acqua".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua: Casturà (Verdi), "I risultati referendari vanno rispettati"

ChietiToday è in caricamento