De Titta abbandona la protesta, stop al sit-in davanti all'ospedale

Per motivi di salute, l'uomo di Sant'Eusanio del Sangro che denunciava le lungaggini delle liste d'attesa Asl è tornato a casa. Ma promette di riprendere l'iniziativa in primavera

Paolo De Titta ha abbandonato la protesta. L’uomo di Sant’Eusanio del Sangro, che dallo scorso 6 ottobre, due settimane fa, si era accampato sullo spartitraffico di fronte all’ingresso dell’ospedale Santissima Annunziata, ieri mattina (mercoledì 21 ottobre) ha deciso di andare via per tornare a casa. 

In oltre due settimane ha affrontato la pioggia e i primi freddi, che hanno messo a dura prova la sua salute già minata da alcuni problemi. Dopo 17 giorni, dunque, il sit in è finito, sebbene lo spirito della protesta resti vivo. 

“Se non mi fossi fermato - ha spiegato - avrei rischiato l’amputazione del piede”. Inoltre uno dei medici che lo segue lo ha contattato per allertarlo della necessità di ripetere un intervento già subito qualche mese fa, e deve occuparsi di altri problemi scoperti proprio dopo la sua protesta”. Il sit-in, infatti, iniziò per denunciare le lungaggini delle liste d’attesa delle aziende sanitarie, visto che, dopo aver cercato di prenotare un’ecografia, questa gli era stata fissata per febbraio 2017. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Non ho abbandonato i malati e i cittadini - ha tenuto a precisare - la mia battaglia ricomincerà verso il mese di maggio 2016”. In molti, in queste settimane, dopo il suo primo appello, lo hanno aiutato, portandogli acqua, cibo, o solo solidarietà. L'uomo, molto conosciuto nel frentano per le sue azioni di protesta, già il 2 ottobre si era incatenato all'ingresso dell'ospedale per sollevare l'attenzione sul suo problema.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento