Sabato, 18 Settembre 2021
Sicurezza

Pulire casa con il vapore: perché conviene e come farlo

Per eliminare i germi, rimuovere lo sporco e il grasso senza rovinare le superfici

Pulire casa con il vapore vuole dire eliminare lo sporco e igienizzare in modo impeccabile sfruttando semplicemente l’acqua. Questa, raggiungendo alte temperature, consente di detergere tutte le superfici, anche gli angoli più ostici da raggiungere. Non solo, aiuta a eliminare i germi, rimuovere lo sporco e il grasso senza rovinare le superfici e ci consente di limitare l’uso di prodotti chimici dannosi per l’ambiente.

Ecco perché pulire con il vapore è il miglior modo per ottenere spazi casalinghi igienizzati e perfettamente detersi. Inoltre il vapore si può utilizzare su numerose superfici, ma è opportuno non commettere errori.

Cosa non fare quando si usa il vapore

Anche se il vapore è un utilissimo alleato nelle pulizie, bisogna comunque fare attenzione a non utilizzarlo su determinate superfici:

  • mai sulle superfici fredde perché il contrasto con il getto caldo potrebbe lasciare delle macchie
  • non usare su oggetti di cartone perché con il caldo potrebbero rovinarsi
  • non usare per troppo tempo l’apparecchio a vapore sullo stesso punto, perché potrebbe rovinare la superficie
  • è sconsigliato usare il vapore su legno e laminato.

Come usare i pulitori a vapore

Sul pavimento. Il vapore permette di rimuovere lo sporco anche tra le fughe annerite, ma prima di usarlo, meglio passare l’aspirapolvere.

In cucina. È la stanza dove si accumula maggiormente sporco e grasso, quindi il vapore diventa un alleato fondamentale da usare anche sul piano di cottura o sulla cappa.

In bagno. Anche qui l’igiene è fondamentale. Il pulitore a vapore diventerà fondamentale per eliminare germi e batteri su tutte quelle superfici difficili da pulire come le mattonelle, i rubinetti e il box doccia e metterli al sicuro dalla formazione della muffa.

Sulle finestre. Con il vapore si possono pulire facilmente i vetri, togliendo aloni e macchie anche dai binari degli infissi. Utile anche per togliere lo sporco dalle tapparelle.

Su materasso e divano. I tessuti degli imbottiti, come materasso e divano, sono sempre difficili da pulire, soprattutto se non sono sfoderabili. Motivo per cui, dopo aver tolto briciole, capelli o peli di animali con l’aspirapolvere, si può passare alla pulizia a vapore. Questo passaggio è utile per eliminare gli acari, responsabili di allergie e difficoltà respiratorie.

Sul tappeto. Esattamente come per materasso e divano è importante igienizzare anche una superficie che calpestiamo ogni giorno e su cui si accumula molto sporco. Dopo aver aspirato capelli, briciole o peli di animali, cospargere la superficie di bicarbonato, eliminare l’eccesso con la spazzola e poi passare su tutta la superficie la macchina pulitrice a vapore.

All’interno dell’auto. Germi e batteri si annidano anche tra i sedili dell’auto, sui tappetini e nel bagagliaio. Va prima tolto lo sporco e poi eseguire il lavaggio con il vapore.

Prodotti online

Pulitore a vapore portatile 

Pulitore vapore multiuso

Scopa a vapore

Scopa elettrica a vapore multifunzione

Pulitore a vapore mobile

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pulire casa con il vapore: perché conviene e come farlo

ChietiToday è in caricamento