Quando si ingrassa di più? Da Cambridge scovati i due momenti della vita in cui ci si lascia andare

Genitorialità, università e primo lavoro

@unsplash

momenti della vita in cui si ingrassa di più. Ad affermarlo è uno studio effettuati dai ricercati dell’Università di Cambridge che, dati alla mano, hanno scoperto quali sono i precisi istanti in cui una persona tende a prendere peso senza quasi neanche accorgersene o riuscire a fare qualcosa.

Al di là del fatto che ognuno ha i suoi specifici problemi, che possono essere dovuti all’uso/abuso di farmaci, come il cortisone, e problemi di salute. C’è chi cambia le proprie abitudini alimentari, o non riesce più ad allenarsi preferendo, o essendo obbligato, alla sedentarietà.

La ricerca, però, fa proprio luce su quelli che sono i momenti della vita di una persona che portano a ingrassare.

Diventare mamma e papà

Il corpo della donna durante la gravidanza cambia e dopo il parto si ha bisogno di tempo per tornare alla forma pre-gravidica. Serve seguire una buona alimentazione, bere tanto e dormire bene, ma i neonati si risvegliano spesso la notte compromettendo i vecchi equilibri della madre ma anche del padre.

I ricercatori dell'Università di Cambridge hanno analizzato diversi studi condotti sulle variazioni del peso delle donne prima e dopo una gravidanza, scoprendo che le madri tendono a pesare in media 1,3 kg in più rispetto alle donne senza figli.

Variazioni di peso riguardano anche i papà: uno studio pubblicato nel 2015 sull’American Journal of Men’s Health mostra che la paternità comporta un aumento di peso di circa 1,5-2 Kg.

La mancanza di sonno, dovuta dai vari risvegli notturni del neonato e i cambiamenti indotti psicologicamente e, nella donna fisicamente, da gravidanza e genitorialità sono i principali motivi per cui si ingrassa molto in questo periodo.

Università o primo lavoro

Diventare grandi significa andare a studiare all’università o procurarsi il primo lavoro. Tutto questo cambia molto gli equilibri di quando si frequentavano le superiori, motivo per cui l’alimentazione peggiora e l’attività fisica diminuisce.

Cosa fare?

Il consiglio del National Health Service (Nhs), il sistema sanitario pubblico del Regno Unito, è "questi studi evidenziano i momenti chiave della vita in cui potrebbe essere necessario concentrarsi su dieta e attività e aiutare le persone ad adottare uno stile di vita più sano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parrucchieri ed estetiste aperti anche nei comuni con maggiori restrizioni, fissata la riapertura delle scuole: Marsilio firma l'ordinanza

  • Pizza scima: la ricetta della focaccia “a rombi” senza lievito

  • Saturimetro: perché acquistarne uno e i migliori in commercio

  • "La gravità sintomi Covid può dipendere dal dna": lo studio dell'università di Chieti

  • Mussolini resta cittadino onorario di Guardiagrele, respinta la proposta di revoca

  • Coronavirus: 246 positivi (su 6055 test) e 11 decessi, record di ricoveri in terapia intensiva

Torna su
ChietiToday è in caricamento