Come combattere il caldo in auto? Il vademecum

La temperatura esterna, già estremamente alta in questo periodo, in auto si può superare di 15 gradi quella ambientale

Bella l’estate, il mare, le vacanze, le ferie ma quando fa troppo caldo entrare in macchina è davvero orribile. Come combattere il caldo in auto?

In Italia sono 16 le città con allerta di livello 3, la più elevata, che scatta in presenza di "condizioni di emergenza con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive e non solo sui sottogruppi a rischio come gli anziani, i bambini molto piccoli e le persone affette da malattie croniche".

È bene ricordare che rispetto alla temperatura esterna, già estremamente alta in questo periodo, in auto si può superare di 15 gradi quella ambientale. Quindi, nelle giornate più calde e torride, è possibile che in macchina si sfiorino i 60 gradi!

Se state per partire per un viaggio e temete che l’abitacolo e i componenti della vettura, dai sedili al volante, siano roventi, o se semplicemente dovete fare un breve tragitto sulle quattro ruote, i nostri consigli per viaggiare sereni possono tornarvi davvero utili.

Mai lasciare nessuno a bordo

Non bisogna mai dimenticare nessuno in auto, né i bambini, anche se stanno dormendo placidi e dolci nei loro seggiolini, né gli anziani, perché troppo lenti e stanchi, e nemmeno gli animali, perché soffrirebbero più di quanto immaginate! Malori, svenimenti e decessi sono all’ordine del giorno nei casi in cui persone o animali rimangano a bordo del mezzo, a volte anche per pochi minuti!

Parcheggiare all’ombra

Lo sappiamo, non è semplice trovare un posto all’ombra, ma cercate di farvi furbi, soprattutto nei posti che frequentate maggiormente, anche sotto casa. Individuate le zone più fresche, anche se un po’ distanti dal portone, e mettete lì l’auto per trovarla fresca e accogliente. In alternativa è possibile costruire, anche fai da te, un gazebo, per creare ombra e proteggere la vettura dal caldo, che, tra l’altro, rovina le plastiche interne.

Evitare gli sbalzi di temperatura

Usare il condizionatore auto è concesso ma evitate di impostare la temperatura troppo bassa rispetto all’esterno. In genere la differenza non deve mai essere superiore ai 6 gradi rispetto a quella ambientale. Non usare l’opzione “ricircolo”, perché è poco efficace per temperature così elevate. Non dimenticare, inoltre, di fare manutenzione, quindi pulire il climatizzatore auto prima che arrivi la bella stagione.

Usare le protezioni

Parasole, pellicole e schermi oscuranti possono proteggere l’auto dai raggi del sole aiutando anche ad abbassare la temperatura nell’abitacolo fino al 50%.

Evitare di viaggiare nei giorni caldi

A volte è necessario, impossibile fare diversamente ma, se si può, non si deve viaggiare nei giorni considerati bollino rosso, ovvero quelli troppo caldi, quando l’asfalto assorbe calore 5 volte più di terra ed erba, dando luogo al cosiddetto effetto “isola di calore” e creando enormi disagi se si resta imbottigliati nel traffico.

Bere spesso

Bere acqua è sempre importante e quando fa caldo lo è ancora di più. Portate in viaggio sempre una bottiglia d’acqua e per tenerla fresca potreste usare dei frigoriferi portatili per auto.

Il consiglio in più

Arriva dal Giappone un consiglio “manuale” per rinfrescare l’abitacolo e partire senza soffrire troppo le alte temperature. Per accelerare il ricambio d’aria prima bisogna abbassare uno dei finestrini senza aprire lo sportello, cominciare a ‘pompare’ fuori l’aria calda, aprendo e chiudendo più volte la portiera del lato opposto con il finestrino alzato. In questo modo si dovrebbe abbassare la temperatura dai 10 ai 15 gradi. Incredibile, vero? Da provare!

Potrebbe interessarti

  • 10 consigli per smettere di fumare

I più letti della settimana

  • San Vito Chietino, identificato l’uomo trovato morto

  • Se n'è andata la giornalista Simona Petaccia, presidente di Diritti Diretti

  • L'auto si sfrena e rischia di travolgere i visitatori del mercatino, ma una giovane coraggio la blocca

  • Più di 20 mila posti di lavoro in Abruzzo: per un terzo si cercano figure introvabili

  • La cantante Emma Marrone sceglie l’Abruzzo, weekend a Mammarosa: “Qui mi sento a casa”

  • Cadavere di un uomo fra la vegetazione: è giallo a San Vito Chietino

Torna su
ChietiToday è in caricamento